GIBAS - Fabbrica Artigiana Lampadari
HOME » Cronaca » Un centro per settemila pazienti
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

Un centro per settemila pazienti


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

Un centro per settemila pazienti Inaugurato ieri a Ponte Maglio il subdistretto di medicina fisica e riabilitazionedi MANUELA TRAINICOMUNANZA — «Questo nuovo servizio nasce grazie all’unione dei sindaci. Raccoglierà un’utenza di 7.000 persone e la sua apertura non fa torti a nessuno, in quanto il servizio era già presente in questo comune e si era solo momentaneamente appoggiato con tutta l’attrezzatura a Comunanza». Ha colto l’occasione dell’inaugurazione del centro di Medicina fisica e Riabilitazione di Ponte Maglio, il sindaco di S. Vittoria, Francesco Mancini, per chiarire una questione territoriale diventata un vero e proprio caso. Chiaro il riferimento alle passate ed aspre polemiche che hanno coinvolto nei mesi scorsi tutta la Comunità montana dei Sibillini. Sul trasferimento della fisioterapia da Comunanza a Ponte Maglio, infatti, si era registrata la forte opposizione del sindaco di Comunanza Luigi Contisciani. Le motivazioni addotte riguardavano la centralità territoriale che il servizio aveva a Comunanza e le nuove spese sanitarie da affrontare per la nuova sede. «Era stabilito tutto in un documento di programmazione dei servizi della Comunità montana dei Sibillini del 1997 – ha precisato il Presidente della Comunità montana, Domenico Ciaffaroni nel suo intervento di ieri mattina – i servizi costano e devono essere razionalizzati nel miglior modo possibile attraverso la loro dislocazione all’interno della Comunità. Oggi è un giorno di festa per tutto il territorio che rappresento». Presente anche il direttore del distretto di Amandola, D’Angelo: «Si programmava da tempo di far dimagrire gli ospedali per offrire migliori servizi territoriali – ha affermato – ora il distretto di Amandola è più grande di quello di San Bendetto. A proposito di dimagrimento – ha aggiunto il direttore – speriamo che l’ospedale di Amandola non dimagrisca ancora, altrimenti rischia l’anoressia». Proprio alcuni mesi fa, la chiusura dei reparti di Ostetricia e Ginecologia del Vittorio Emanuele di Amandola aveva provocato una rivolta dei cittadini contro i vertici della Asl 13. E’ toccato dunque al Commissario straordinario della Asl 13, Mario Maresca chiare il motivo di tale scelta. «L’azienda sanitaria non vuole impoverire la montagna – ha sottolineato – ma distribuire il più omogeneamente possibile i servizi per tutto il territorio, tenendo in considerazione le difficoltà economiche sanitarie». Maresca ha ricordato anche che la settimana prossima verranno inaugurati ad Amandola i 14 posti letto per la lungodegenza. Il centro di Medicina fisica e Riabilitazione di Ponte Maglio, in funzione da domani, fornirà servizi di ginnastica correttiva, varie attività di rieducazione, le ultime tipologie di terapia, l’elettrostimolazione, massaggi e viste fisiatriche.

articolo visualizzato 535 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 02-02-2003

COMMENTI

Nessun commento all'articolo.

Lascia un commento

  • Anto: Tanto per rompere:- A Ennio. E’ rtivelao cic3b2 che i viventi percepiscono come bene...
  • natural health: Having read this I believed it was extremely informative. I appreciate you...
  • www.thefocc.com: Right here is the perfect website for anyone who wants to find out about this...
  • 5:2 Fast Formula Review: When some one searches for his necessary thing, so he/she wishes to be...
  • do diet patches work: I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog...
  • セリーヌ ラゲージ: Magic toned diy and studs quality this bag. You will unearth raised logo discs inside...
  • buy instagram followers: When I originally commented I clicked the “Notify me when new...
  • short game instruction: I am sure this piece of writing has touched all the internet users, its...
  • Sim City 5 Key: Hello there, You’ve done an excellent job. I will certainly digg it and...
  • Caterina: Ho avuto l’onore di essere stata studentessa presso l’ospedale di Camerino...