GIBAS - Fabbrica Artigiana Lampadari
HOME » Cronaca » Ufficio interprovinciale: possibile ma non probabile
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

Ufficio interprovinciale: possibile ma non probabile


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

ASCOLI — Ufficio interprovinciale: possibile ma non probabile. Il presidente provinciale di Confcommercio, Benito Calvaresi, non nasconde di nutrire dubbi e perplessità in merito alla concreta fattibilità del progetto. Almeno nel nostro territorio. «Non è un’ipotesi — afferma — così irrealizzabile. Tanto che, ad Olbia e Sassari, è un’iniziativa già portata a compimento. Ma si tratta, in questo caso, di realtà più ampie, in grado di autogestirsi». Insomma, il messaggio di Calvaresi è chiaro: misurare i passi e valutare accuratamente le strategie. «Quello di cui sono sicuro — continua — è che sarà presto inviato, da Roma, un delegato di Confcommercio, che avrà il compito di «fare l’inventario» del dare e dell’avere di entrambe le realtà territorali: Ascoli e Fermo. Da qui si partirà per svolgere i passaggi successivi». Per quanto riguarda invece la delegazione dei Sibillini, Calvaresi batte ancora sul tema dei servizi. «Il corollario di paesi — spiega — che fa capo ad Amandola, ricade per metà nell’ascolano e per metà nel fermano. Ma l’appartenenza territoriale non impedirà all’utenza di decidere, se vorrà, di usufruire di servizi erogati altrove». E conclude: «Certo, passerà qualche mese prima che la situazione arrivi ad una più precisa definizione. Ma dovremo lavorare seriamente, fin da ora, per migliorare l’efficacia della nostra attività. E affrontare serenamente la spaccatura». Intanto, anche la delegazione ascolana di Confcommercio dice la sua in merito alle conseguenze della istituita Provincia di Fermo e della divisione in due dell’associazione. «Non possiamo che confermare — scrive il presidente dela delegazione, Lucio Sestili — il nostro impegno ad attivarci fin da subito su tutti i 18 comuni di nostra competenza, per garantire un’assistenza sindacale ancora più puntuale e servizi di qualità sempre migliore alle imprese associate. Questo con l’obiettivo finale di acquisire nuovi soci e nuovi utenti e servizi. E di contribuire, unitamente alle delegazioni di San Benedetto e dei Sibillini, alla strutturazione di una nuova Confcommercio della provincia di Ascoli, efficiente ed organizzata». Sestili si dice certo che dalla divisione dell’unica Confcommercio provinciale non deriveranno danni alle strutture. Ma che, anzi, potranno emergere «stimoli propositivi alla collaborazione sul territorio in merito ai temi di comune interesse e a tutela delle imprese rappresentate». l.m.

articolo visualizzato 519 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 17-07-2004

COMMENTI

Nessun commento all'articolo.

Lascia un commento

  • Anto: Tanto per rompere:- A Ennio. E’ rtivelao cic3b2 che i viventi percepiscono come bene...
  • natural health: Having read this I believed it was extremely informative. I appreciate you...
  • www.thefocc.com: Right here is the perfect website for anyone who wants to find out about this...
  • 5:2 Fast Formula Review: When some one searches for his necessary thing, so he/she wishes to be...
  • do diet patches work: I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog...
  • セリーヌ ラゲージ: Magic toned diy and studs quality this bag. You will unearth raised logo discs inside...
  • buy instagram followers: When I originally commented I clicked the “Notify me when new...
  • short game instruction: I am sure this piece of writing has touched all the internet users, its...
  • Sim City 5 Key: Hello there, You’ve done an excellent job. I will certainly digg it and...
  • Caterina: Ho avuto l’onore di essere stata studentessa presso l’ospedale di Camerino...