GIBAS - Fabbrica Artigiana Lampadari
HOME » Cronaca » Tutto il Piceno sommerso dalla neve
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

Tutto il Piceno sommerso dalla neve


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

A Montemonaco non si sa dove smaltire la “coltre bianca” Raffica di soccorsi nella zona dei monti Sibillini Traffico in tilt nella vallata del Tronto Chiesto l’intervento dell’elicottero a Foce Il problema del rifornimento di carburante Evacuata un’intera frazione a Montefortino per il serio pericolo di una valanga Tutto il Piceno sommerso dalla neve Sommersi dalla neve. Oramai da tre giorni nevica ininterrottamente su tutto il territorio piceno ed in particolare nei comuni dei monti Sibillini dove la coltre bianca ha superato mediamente il livello dei 120 centimetri. La situazione più grave si registra a Montefortino dove ieri pomeriggio il commissario prefettizio, dottoressa Monaldi, ha disposto lo sgombero della frazione Rubbianello. In quella località risiedono dieci nuclei familiari, ma per le avverse condizioni meteorologiche quasi tutti avevano abbandonato le loro abitazioni. Ieri pomeriggio le sette persone rimaste sono state invitate a lasciare le residenze per essere alloggiate in altre strutture.A Montemonaco c’è così tanta neve che non si sa dove metterla come conferma il sindaco Sansonetti: «Abbiamo dovuto chiedere aiuto alle ditte private affinchè portassero via i cumuli di neve accantonati ai lati delle strade. Oramai non c’era più spazio per far transitare le automobili. Sconsiglio assolutamente di mettersi in viaggio». Restano ancora isolate le nove persone in località Foce con le quali comunque i contatti non si sono mai interrotti. E’ stato richiesto l’intervento dell’elicottero che spiccherà il volo quando le condizioni meteo lo permetteranno. Anche ad Amandola si è alle prese con la bufera di neve. L’Amministrazione comunale si sta alacremente attivando per garantire l’accesso all’ospedale; una coppia di anziani è stata soccorsa in frazione Moglietta. Situazione critica a Comunanza dove il sindaco Pizzichini ha ordinato la chiusura di alcune strade per Polica, casa di Cola, Tavernelle, facendo recapitare medicinali e vivere alle persone che abitano nei centri più isolati del paese. Con i trasporti paralizzati si temono conseguenze per il rifornimento di carburante. Scuole chiuse fino a martedì. Ad Arquata è dovuto intervenire il gatto delle nevi mandato dal comandante dei carabinieri, Minniti. Provvidenziale anche l’intervento degli agenti del Corpo Forestale. Scuole chiuse per due giorni come ad Acquasanta Terme. Problemi di viabilità a Castel di Lama, Colli e Spinetoli dove nel pomeriggio, nell’arco di due ore si erano già formati trenta centimetri di neve, mandando in tilt il traffico. Dottori della Guardia medica, grazie ad un automezzo del Corpo Forestale, hanno potuto visitare anziani a Ponte d’Arli. Centinaia le richieste di aiuto ai vigili del fuoco.

articolo visualizzato 760 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 30-01-2005

COMMENTI

Nessun commento all'articolo.

Lascia un commento

  • Anto: Tanto per rompere:- A Ennio. E’ rtivelao cic3b2 che i viventi percepiscono come bene...
  • natural health: Having read this I believed it was extremely informative. I appreciate you...
  • www.thefocc.com: Right here is the perfect website for anyone who wants to find out about this...
  • 5:2 Fast Formula Review: When some one searches for his necessary thing, so he/she wishes to be...
  • do diet patches work: I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog...
  • セリーヌ ラゲージ: Magic toned diy and studs quality this bag. You will unearth raised logo discs inside...
  • buy instagram followers: When I originally commented I clicked the “Notify me when new...
  • short game instruction: I am sure this piece of writing has touched all the internet users, its...
  • Sim City 5 Key: Hello there, You’ve done an excellent job. I will certainly digg it and...
  • Caterina: Ho avuto l’onore di essere stata studentessa presso l’ospedale di Camerino...