GIBAS - Fabbrica Artigiana Lampadari
HOME » Cronaca » Straordinario afflusso di gente alla manifestazione.
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

Straordinario afflusso di gente alla manifestazione.


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

AMANDOLALI 27/10/02 STRAORDINARIOAFFLUSSO DI GENTE ALLA MANIFESTAZIONE DI PROTESTA CONTRO I TAGLI DEI SERVIZIALL’OSPEDALE DI AMANDOLA. Preoccupazionee rabbia. Sono i sentimenti preponderanti che serpeggiano nell’animo dellagente accalcata in Piazza Risorgimento. Una massa umana inverosimile, dasorprendere gli stessi organizzatori, con più di tremila presenze. Tutti li perdar voce alla protesta, con tanti cartelli pieni di slogan, pronti a farconoscere la loro sentita partecipazione a questa manifestazione-fiume contro itagli dei servizi sanitari nell’ospedale di Amandola ed in particolare controla chiusura del reparto di Ostetricia e Ginecologia avvenuta recentemente.L’iniziativa, promossa dal Comitato Cittadino Intercomunale dei Sibillini, si ètrasformata in insurrezione pacifica, dove l’unione popolare ha trovatoraramente come questa volta una tale forza di coesione. I protagonisti sonostati i comuni cittadini. Alcuni di loro sul palco hanno portato esperienze eriflessioni sulle gravi difficoltà che il ridimensionamento del nosocomio stacreando agli abitanti non solo del circondario dei Sibillini, ma anche di unavasta zona che gravita intorno ad Amandola e che fa riferimento al centroospedaliero per le proprie esigenze di salute. Ampia solidarietà e presenza dipolitici ed amministratori pubblici locali di vari partiti, pur con qualcheimportante defezione, di sindaci della Comunità Montana dei Sibillini, ma anchedi centri vicini e fuori provincia come il sindaco di Sarnano ed altri colleghidel maceratese. Negozi chiusi. In piazza anche studenti delle scuole mediesuperiori ed inferiori e poi le donne, tantissime, alcune in stato digravidanza, le più toccate dalla chiusura del reparto di Ostetricia. “Laparticolare collocazione geografica con quasi un’ora di distanza dagli ospedalipiù vicini – esordisce Enrico Gasparri coordinatore del Comitato – non può farpassare la legge dei numeri bassi di pazienti che giustificherebbe ledecurtazioni”. Per questo partono subito le richieste alla Regione ed ASL 13:riapertura del reparto di Ostetricia e Ginecologia, mantenimento epotenziamento dei servizi ospedalieri esistenti, riattivazione di quello dicardiologia per l’intera settimana e ripristino completo di quello diAnestesia, gestione autonoma del servizio trasporti con ambulanze, mantenimentoreparti di Medicina e Chirurgia senza tagli ai posti letto. Francesco Massi

articolo visualizzato 753 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 27-10-2002

COMMENTI

Nessun commento all'articolo.

Lascia un commento

  • Anto: Tanto per rompere:- A Ennio. E’ rtivelao cic3b2 che i viventi percepiscono come bene...
  • natural health: Having read this I believed it was extremely informative. I appreciate you...
  • www.thefocc.com: Right here is the perfect website for anyone who wants to find out about this...
  • 5:2 Fast Formula Review: When some one searches for his necessary thing, so he/she wishes to be...
  • do diet patches work: I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog...
  • セリーヌ ラゲージ: Magic toned diy and studs quality this bag. You will unearth raised logo discs inside...
  • buy instagram followers: When I originally commented I clicked the “Notify me when new...
  • short game instruction: I am sure this piece of writing has touched all the internet users, its...
  • Sim City 5 Key: Hello there, You’ve done an excellent job. I will certainly digg it and...
  • Caterina: Ho avuto l’onore di essere stata studentessa presso l’ospedale di Camerino...