GIBAS - Fabbrica Artigiana Lampadari
HOME » Cronaca » Sono guarito grazie alla Madonna
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

Sono guarito grazie alla Madonna


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

E’ successo a Mario Ballatori imprenditore emigrato in Venezuela. Secondo i medici si tratta di un miracolo “Sono guarito grazie alla Madonna” Dopo aver visitato il santuario in una notte la frattura “svanisce” MONTEFORTINO – Che la Madonna dell’Ambro avesse dispensato numerosissime grazie fra i devoti è storia risaputa ed ampiamente testimoniata. Ma l’ultima segnalata ha qualcosa in più dello straordinario. Riguarda Mario Ballatori, ascolano emigrato diversi anni fa in Venezuela, titolare di un’impresa che importa dall’Italia macchinari per macellerie. L’uomo in ogni occasione che, per motivi di lavoro o altro, lo portava nei luoghi nativi faceva visita alla Santa Casa della Madonna di Loreto. L’ultima volta, qui è venuto a conoscenza, tramite un articolo su un periodico, dell’esistenza del Santuario dell’Ambro e della sua storia legata all’apparizione della Madonna ad una pastorella sordomuta. Ballatori non ha perso tempo per andare a scoprire questo luogo di culto da lui ignorato. E’ corso a pregare sotto l’altare della Vergine dell’Ambro per chiedere una grazia per una giovane, figlia di un suo amico, sordomuta. L’imprenditore, alcuni mesi prima, si era procurato una gravissima frattura all’avambraccio. Per avere la possibilità di riprendere l’uso dell’arto avrebbe dovuto affrontare un difficile intervento chirurgico ricostruttivo ed un mese d’immobilità. Ma aveva dovuto rimandare l’operazione perché doveva venire in Italia per affari. Dopo la visita al Santuario dell’Ambro, col braccio immobilizzato e paralizzato nei movimenti, è tornato in Venezuela. Trascorse alcune settimane e ancor prima di affrontare l’intervento chirurgico, dopo essersi raccomandato alla Madonna, una mattina improvvisamente si è sentito completamente guarito. Aveva recuperato totalmente l’uso dell’arto.Da ulteriori accertamenti medici risulta la piena guarigione e la scomparsa totale dei segni di frattura.I medici venezuelani che l’hanno seguito sono stati i primi a parlare di miracolo. “Pur non potendo classificarlo come miracolistico – dice Padre Serafino Rafaiani rettore del Santuario dell’Ambro – è questo un episodio di eccelsa straordinarietà che s’inserisce in una serie eclatante di fatti legati a grazie della Vergine dell’Ambro verso i fedeli”. Presto tutta la documentazione sulla diagnosi pre e post guarigione sarà inviata alla congregazione dei cappuccini del Santuario. “La maggior particolarità e valenza religiosa della vicenda – continua padre Serafino – è data dal fatto che il Ballatori aveva pregato e chiesto intercessione alla Madonna non per lui ma per la ragazzina sordomuta sua conoscente”. Lo stesso protagonista della storia è ritornato recentemente all’Ambro confermando tutto nei particolari.

articolo visualizzato 2.204 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 16-05-2003

COMMENTI

Nessun commento all'articolo.

Lascia un commento

  • Anto: Tanto per rompere:- A Ennio. E’ rtivelao cic3b2 che i viventi percepiscono come bene...
  • natural health: Having read this I believed it was extremely informative. I appreciate you...
  • www.thefocc.com: Right here is the perfect website for anyone who wants to find out about this...
  • 5:2 Fast Formula Review: When some one searches for his necessary thing, so he/she wishes to be...
  • do diet patches work: I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog...
  • セリーヌ ラゲージ: Magic toned diy and studs quality this bag. You will unearth raised logo discs inside...
  • buy instagram followers: When I originally commented I clicked the “Notify me when new...
  • short game instruction: I am sure this piece of writing has touched all the internet users, its...
  • Sim City 5 Key: Hello there, You’ve done an excellent job. I will certainly digg it and...
  • Caterina: Ho avuto l’onore di essere stata studentessa presso l’ospedale di Camerino...