GIBAS - Fabbrica Artigiana Lampadari
HOME » Cronaca » Sibillini, arriva il Panda d’oro
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

Sibillini, arriva il Panda d’oro


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

Sibillini, arriva il Panda d’oro Riconoscimento nazionale del Wwf per gli interventi del parco nazionale di ENZO VITALE ASCOLI Un riconoscimento nazionale per l’impegno nella tutela e la conservazione del patrimonio naturalistico è stato assegnato al Parco nazionale dei Monti Sibillini. Il premio Panda d’oro 2003 del Wwf è stato consegnato ieri a Roma, nella sede dell’associazione ambientalista, nell’ambito della giornata mondiale sulla biodiversità organizzata per il programma ambientale dell’Onu. Oltre alla rappresentanza dell’area protetta umbro-marchigiana, sono stati premiati anche il Corpo forestale dello Stato (reintroduzione del Grifone) e la Provincia di Bologna (conservazione di specie rare). A consegnare i premi è stato Gianfranco Amendola, consigliere nazionale del Wwf. Ma oltre le luci, anche le ombre. Nel corso della premiazione, infatti, è stato presentato un dossier nel quale si lancia l’allarme fauna perchè «Il 68 per cento dei vertebrati italiani è a rischio estinzione». Ma sui Sibillini già si corre ai ripari. Da ieri, infatti, l’area protetta avrà dei nuovi “inquilini”: due cervi provenienti da Como sono giunti ieri sera ad Amandola per essere reintrodotti nel parco. Per il momento sono stati custoditi nel Vivaio Altotenna gestito dall’Assam. Intanto, per la prossima settimana, è previsto l’arrivo di un terzo cervo e tutti e tre andranno a vivere definitivamente nel territorio amandolese, in un sito in via di realizzazione, vicino al Lago di San Ruffino. Il trasferimento dalla provincia di Como dei tre esemplari è avvenuto grazie al diretto interessamento dell’assessore provinciale Giulio Saccuti. I tre animali dovevano essere abbattuti ma la Provincia, Regione e Assam hanno permesso, anche con un piccolo contributo economico, la loro salvezza. Ma torniamo al premio nazionale. L’intervento messo in atto sui Sibillini era finalizzato alla ricostituzione della fascia degli arbusti contorti, un ecosistema naturale che sui Sibillini, come in gran parte dell’Appennino, è quasi del tutto scomparso a causa dell’uso intensivo del territorio per l’allevamento degli ovini. «Con l’ampliamento dei pascoli -dicono gli esperti naturalisti- tale ecosistema, originariamente presente sopra il limite delle faggete, è stata sistematicamento eliminato fino a causare l’estinzione di una delle sue specie botaniche più caratteristiche e cioè del Pino mugo». Il secondo intervento, invece, ha riguardato la reintroduzione dell’Abete bianco, presente un tempo nell’area dei Sibillini come hanno dimostrato le analisi polliniche e scomparso anch’esso per azione dell’uomo.

articolo visualizzato 586 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 23-05-2003

COMMENTI

Nessun commento all'articolo.

Lascia un commento

  • Anto: Tanto per rompere:- A Ennio. E’ rtivelao cic3b2 che i viventi percepiscono come bene...
  • natural health: Having read this I believed it was extremely informative. I appreciate you...
  • www.thefocc.com: Right here is the perfect website for anyone who wants to find out about this...
  • 5:2 Fast Formula Review: When some one searches for his necessary thing, so he/she wishes to be...
  • do diet patches work: I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog...
  • セリーヌ ラゲージ: Magic toned diy and studs quality this bag. You will unearth raised logo discs inside...
  • buy instagram followers: When I originally commented I clicked the “Notify me when new...
  • short game instruction: I am sure this piece of writing has touched all the internet users, its...
  • Sim City 5 Key: Hello there, You’ve done an excellent job. I will certainly digg it and...
  • Caterina: Ho avuto l’onore di essere stata studentessa presso l’ospedale di Camerino...