GIBAS - Fabbrica Artigiana Lampadari
HOME » Cronaca » Reperti archeologici nascosti in una casa
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

Reperti archeologici nascosti in una casa


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

I carabinieri denunciano tre persone ASCOLI – Scoperta dai carabinieri della stazioni di Montemonaco, Comunanza ed Amandola un’organizzazione criminale che era specializzata in furti di reperti archeologici che poi provvedeva ad immettere sui mercatini dell’antiquariato. Non é da escludere, comunque, e a chiarirlo saranno le indagini che sono tuttora in corso, che alcuni furti siano stati effettuati su commissione a seguito di specifica richiesta degli interessati. Sono state denunciate alla magistratura tre persone nei confronti delle quali pende il reato di possesso illecito di beni culturali che, come noto, sono di esclusiva proprietà  dello Stato. Infatti, chi rinviene un reperto storico é obbligato a consegnarlo ai funzionari dei beni culturali per la classificazione ed il successivo affidamento al museo della provincia dove é stato rinvenuto l’oggetto. I militari dell’Arma da tempo erano sulle tracce di un’organizzazione che era dedita al commercio di oggetti d’antiquariato la cui provenienza destava non pochi sospetti. Sono così scattate le prime indagini tendenti a scoprire i componenti del sodalizio e la fonte da cui provenivano i vari oggetti. Nel giro di qualche settimana i carabinieri sono venuti a conoscenza che in un’abitazione ubicata nel comune di Montefortino da diverso tempo si verificavano strani movimenti. L’edificio é stato posto sotto osservazione e, essendosi rivelati fondati i sospetti, i carabinieri delle tre stazioni suddette nella tarda serata del 14 aprile scorso hanno fatto irruzione all’interno dell’appartamento. In un locale i militari dell’Arma hanno rinvenuto alcuni scatoloni all’interno dei quali erano custoditi, imballati con dei fogli di giornale, numerosi reperti archeologici costituiti da vasellame in terra cotta. Si presume che appartengano al periodo etrusco, quindi di un certo valore commerciale. Sono in corso accertamenti per stabilire la vera epoca.S.C., corriere adriatico

articolo visualizzato 1.131 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 17-04-2008

COMMENTI

Nessun commento all'articolo.

Lascia un commento

  • Anto: Tanto per rompere:- A Ennio. E’ rtivelao cic3b2 che i viventi percepiscono come bene...
  • natural health: Having read this I believed it was extremely informative. I appreciate you...
  • www.thefocc.com: Right here is the perfect website for anyone who wants to find out about this...
  • 5:2 Fast Formula Review: When some one searches for his necessary thing, so he/she wishes to be...
  • do diet patches work: I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog...
  • セリーヌ ラゲージ: Magic toned diy and studs quality this bag. You will unearth raised logo discs inside...
  • buy instagram followers: When I originally commented I clicked the “Notify me when new...
  • short game instruction: I am sure this piece of writing has touched all the internet users, its...
  • Sim City 5 Key: Hello there, You’ve done an excellent job. I will certainly digg it and...
  • Caterina: Ho avuto l’onore di essere stata studentessa presso l’ospedale di Camerino...