GIBAS - Fabbrica Artigiana Lampadari
HOME » Cronaca » Progetto cinema
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

Progetto cinema


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

IL “PROGETTO CINEMA” PORTA IL LINGUAGGIO CINEMATOGRAFICO E DELL’IMMAGINE NELLA SCUOLA MEDIA DI AMANDOLA. L’ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI AMANDOLA SCELTO PER LA SPERIMENTAZIONE NAZIONALE.Tra i diversi linguaggi espressivi che la scuola, specialmente di base, si deve far carico d’insegnare, c’è spesso un assente eccellente che invece ha una funzione dominante nella comunicazione della moderna società. E’quello dell’immagine, studiata nella sua forma fissa (fotografia) e in movimento(cinema-vido). E’ per questo che ha il carattere pionieristico il “Progetto Cinema” iniziato più di dieci anni or sono nella scuola media di Amandola, ideato e coordinato dal prof. Vincenzo Pasquali. “Lo scopo primario dell’iniziativa – dice il docente – è quello di educare i giovani alla comprensione dei codici del linguaggio cinematografico ed audiovisivo, nonché alla lettura attiva del messaggio filmico”. Col tempo il progetto è cresciuto coinvolgendo tutte le scuole del Distretto Scolastico 18, con la partecipazione di altri soggetti esterni come Agiscuola, Cineforum, Associazione “La Fenice”, Comuni, IRRSAE, gestori delle sale cinematografiche di Servigliano e Amandola.Il consenso è stato ampio ed il riscontro positivo, tant’è che l’Istituto Scolastico Comprensivo di Amandola è stato scelto per la sperimentazione nazionale, diventando scuola polo del progetto in rete con quelli di Comunanza e Force. Infatti, il Ministero della Pubblica Istruzione ha avviato un progetto per la promozione della didattica del linguaggio cinematografico nelle scuole, con un sistema integrato di formazione ed integrazione a tre livelli: corso unitario, moduli operativi, laboratori di sperimentazione didattica in classe.Nell’ambito dell’iniziativa vengono realizzati periodicamente anche corsi di aggiornamento per i docenti delle province di Ascoli e Macerata, e sono stati studiati convegni regionali. Avviati anche laboratori video e fatti degli incontri con professionisti del settore cinema e televisione. La visione dei film (dai 6 ai 10 ogni anno scolastico) è supportata da schede che illustrano i vari aspetti contenutistici, formali, tecnici, critici e didattici. Poi negli ultimi anni è stata introdotta una scelta ancor più innovativa: nella visione-studio dei lungometraggi sono stati coinvolti anche docenti di varie materie ed i genitori dei ragazzi, e l’esperimento si sta allargando alle scuole elementari e probabilmente superiori. Un’iniziativa dunque all’avanguardia che ha anticipato i tempi, e che pone Amandola, il suo territorio e lo stesso Istituto Comprensivo, a livello di modello nazionale per il faticoso processo di rinnovamento della scuola italiana ed in particolare per lo sviluppo della cultura cinematografica e dell’immagine in genere. Francesco Massi

articolo visualizzato 899 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 19-11-2002

COMMENTI

Nessun commento all'articolo.

Lascia un commento

  • Anto: Tanto per rompere:- A Ennio. E’ rtivelao cic3b2 che i viventi percepiscono come bene...
  • natural health: Having read this I believed it was extremely informative. I appreciate you...
  • www.thefocc.com: Right here is the perfect website for anyone who wants to find out about this...
  • 5:2 Fast Formula Review: When some one searches for his necessary thing, so he/she wishes to be...
  • do diet patches work: I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog...
  • セリーヌ ラゲージ: Magic toned diy and studs quality this bag. You will unearth raised logo discs inside...
  • buy instagram followers: When I originally commented I clicked the “Notify me when new...
  • short game instruction: I am sure this piece of writing has touched all the internet users, its...
  • Sim City 5 Key: Hello there, You’ve done an excellent job. I will certainly digg it and...
  • Caterina: Ho avuto l’onore di essere stata studentessa presso l’ospedale di Camerino...