GIBAS - Fabbrica Artigiana Lampadari
HOME » Cronaca » Piazza Risorgimento risplenderà… d’antico
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

Piazza Risorgimento risplenderà… d’antico


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

AMANDOLA — Un angolo storico del paese (piazza Risorgimento) tornerà agli antichi splendori grazie al lifting voluto dalla Giunta Rossi. Il progetto, dell'ingegnere Adolfo Marinangeli, è stato presentato alla cittadinanza, che ha accolto la novità con ampi consensi. Il titolare dell'impresa cui è stato affidato l'appalto (la Ciabocco) ha garantito che il maquillage sarà terminato entro il prossimo 30 giugno; ai residenti e ai commercianti non saranno richiesti particolari sacrifici. Da una ricerca storica, eseguita dallo studio Marinangeli, si evince che quella che anticamente veniva chiamata piazza Vallelunga, ha una tradizione di otto secoli, considerato che la prima notizia la troviamo nell'atto di vendita che Arpinello dei Conti Giberti di Valle fa delle sue proprietà al Comune di Amandola l'8 novembre 1268. In pergamene del XIII e XIV secolo, la piazza viene citata sempre per compravendite. Va detto che nel '500, lo spazio fu in parte occupato dalla costruzione di case e di vari edifici religiosi, poi abbattuti. Per secoli mantenne la sua importanza in quanto era il punto di accesso per le direzioni verso Ascoli e Macerata; per Fermo, invece, si usciva dalla porta di Agello, oggi scomparsa. In questi giorni i cittadini di Amandola si stanno appassionando alla storia della piazza. In pochi sanno che solo nel 1836 cominciarono corposi lavori di sistemazione che si protrassero per un trentennio. Fu livellato il piano (per renderla più agevole) e si abbattè la chiesa di S. Anastasio (e relativo portico, sede di mercati). Fu raso al suolo anche il grande palazzo dei signori Benattendi, costruito l'imponente porticato (progetto dell'ing. Nardini) e si pavimentò la piazza con pietra arenaria, sostituendo così il vecchio cotto. Verso la fine dell'800, la realizzazione di nuove strade comportò enormi lavori, con trasformazione della piazza e delle vie adiacenti. Nel 1908 fu completata la ferrovia, con Amandola sede di stazione. Ma la definitiva consacrazione a piazza principale e a 'salotto buono' le arriva dal trasferimento, nel 1939, della sede comunale, in precedenza collocato in piazza Umberto I (parte alta). f.p.

articolo visualizzato 602 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 29-01-2003

COMMENTI

Nessun commento all'articolo.

Lascia un commento

  • Anto: Tanto per rompere:- A Ennio. E’ rtivelao cic3b2 che i viventi percepiscono come bene...
  • natural health: Having read this I believed it was extremely informative. I appreciate you...
  • www.thefocc.com: Right here is the perfect website for anyone who wants to find out about this...
  • 5:2 Fast Formula Review: When some one searches for his necessary thing, so he/she wishes to be...
  • do diet patches work: I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog...
  • セリーヌ ラゲージ: Magic toned diy and studs quality this bag. You will unearth raised logo discs inside...
  • buy instagram followers: When I originally commented I clicked the “Notify me when new...
  • short game instruction: I am sure this piece of writing has touched all the internet users, its...
  • Sim City 5 Key: Hello there, You’ve done an excellent job. I will certainly digg it and...
  • Caterina: Ho avuto l’onore di essere stata studentessa presso l’ospedale di Camerino...