GIBAS - Fabbrica Artigiana Lampadari
HOME » Cronaca » Pagano la luce che non c’è
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

Pagano la luce che non c’è


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

Finalmente arrivano i nuovi loculi attesi da oltre 4 anni Numerosi i disservizi al cimitero di Amandola AMANDOLA – Ci sono voluti circa quattro anni per avere nuovi loculi nel cimitero di Amandola. Un’attesa lunga per quanti li avevano già prenotati fin dall’inizio e nel frattempo hanno dovuto farseli prestare da parenti ed amici in caso di sepoltura dei propri cari. Da poco tempo un primo lotto di 160 loculi è stato ultimato e subito 120 di essi sono stati utilizzati per tumulare i defunti che nel frattempo erano stati collocati altrove.Ma i problemi non sono finiti qui. A ribadirlo, anche a nome dei tanti che hanno acquistato le nuove tombe, è Enrico Gasparri, presidente del Comitato Cittadino e colpito direttamente da alcuni disservizi legati al funzionamento della nuova ala cimiteriale. “Tutte le famiglie che hanno preso in prestito altre tombe per i propri congiunti deceduti – dice Gasparri – hanno sempre pagato il canone per le lampade votive ad una ditta di Macerata. Ora si continua a versare anche dopo il trasferimento delle salme nei nuovi loculi, ma qui la luce non è ancora arrivata. Quindi – continua Gasparri – tutti hanno dovuto mettere, per far luce davanti alle tombe, una piccola torcia con batteria e quest’ultima va cambiata periodicamente. Versiamo tutti la quota per l’illuminazione elettrica senza avere il servizio – conferma il presidente – e nello stesso tempo abbiamo dovuto provvedere con le piccole torce acquistate di tasca propria”. Ma i problemi non sono finiti. “In tutto il nuovo settore cimiteriale – afferma Gasparri – non è stata ancora portata l’acqua, con disagi per tutti coloro che fanno visita ai propri morti e portano fiori”. Poi l’aspetto per molti più inquietante. “Attualmente non possono essere fatte sepolture – continua il presidente del Comitato – nelle ultime due file in alto, poiché il comune non dispone di un sollevatore per le bare. Veramente ce ne sarebbe uno vecchio, che non viene utilizzato e si resta in attesa del nuovo costato circa 10 mila euro. Per cui – aggiunge ancora – chi possiede l’urna cimiteriale nella quarta e quinta fila (le più in alto) non può utilizzarla e deve essere ancora ‘parcheggiato’ in un’altra tomba in prestito per l’impossibilità di sollevare il feretro fino a quell’altezza”.F.M.

articolo visualizzato 2.337 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 24-01-2004

COMMENTI

1 Commento all'articolo.
  • 1 Giulio S. 22 ottobre 2010 alle 16:10

    Ho trovato questo post con Google, ed è realmente interessante. Congratulazioni, tornerò a leggere il vostro sito.

Lascia un commento

  • Anto: Tanto per rompere:- A Ennio. E’ rtivelao cic3b2 che i viventi percepiscono come bene...
  • natural health: Having read this I believed it was extremely informative. I appreciate you...
  • www.thefocc.com: Right here is the perfect website for anyone who wants to find out about this...
  • 5:2 Fast Formula Review: When some one searches for his necessary thing, so he/she wishes to be...
  • do diet patches work: I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog...
  • セリーヌ ラゲージ: Magic toned diy and studs quality this bag. You will unearth raised logo discs inside...
  • buy instagram followers: When I originally commented I clicked the “Notify me when new...
  • short game instruction: I am sure this piece of writing has touched all the internet users, its...
  • Sim City 5 Key: Hello there, You’ve done an excellent job. I will certainly digg it and...
  • Caterina: Ho avuto l’onore di essere stata studentessa presso l’ospedale di Camerino...