GIBAS - Fabbrica Artigiana Lampadari
HOME » Cronaca » Neve e vento piegano le Marche
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

Neve e vento piegano le Marche


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

Sulle coste torna l’allarme mareggiate L’Ascolano si imbianca e riaprono le piste da sci Disagi nel Maceratese Nell’Anconetano i vigili del fuoco intervengono per recuperare alcune imbarcazioni Per una violenta tormenta chiuso il valico di Colfiorito. Automobilisti restano bloccati in auto Neve e vento piegano le Marche ANCONA – Temperature rigide, da ieri, nelle Marche, accompagnate da forti raffiche di vento che stanno spazzando soprattutto la costa. E torna l’allarme mareggiate. Diversi gli interventi dei vigili del fuoco per rami, cartelloni e tegole divelti.Vento e non solo. La neve caduta nell’entroterra montuoso dell’Ascolano, al confine con Umbria e Lazio, ha causato forti disagi alla circolazione stradale nella zona di Acquasanta: la situazione, secondo la Polstrada ascolana, si è lentamente normalizzando durante la giornata. La Salaria, rimasta quasi bloccata per qualche tempo a causa di alcuni automezzi che si sono posti di traverso sulla sede stradale per il ghiaccio e la neve, è stata liberata in giornata e il flusso è ripreso regolarmente, seppure soltanto con le catene montate. Tanta neve, inoltre, a Foce di Montemonaco, ai piedi del Monte Vettore, principale cima dei Sibillini, con alcune abitazioni isolate. Alcuni Comuni, per la neve, hanno chiuso anticipatamente le scuole. La nevicata sul Piceno, anche a bassa quota, consentirà probabilmente l’apertura degli impianti sciistici di Monte Piselli a Santo Stefano; al momento il manto nevoso sulle piste è stimato in circa 50 centimetri, ma secondo le previsioni dovrebbe aumentare nelle prossime ore. Sempre nell’Ascolano, le raffiche di vento hanno causato la caduta di alberi sulla strada provinciale Amandola-Comunanza che è rimasta interrotta per alcune ore. Il forte vento è stato il problema più rilevante anche per 80 tecnici dell’Enel impegnati a risolvere le emergenze dovute alla caduta di alberi sugli impianti. Disagi, infatti, a Venarotta e in altre località della zona (Castignano, Morignano, Ponte d’Arli, Vena Piccola), dove sono state interrotte l’erogazione di energia elettrica e le comunicazioni telefoniche; l’Enel ha comunque annunciato che le emergenze verranno risolte; segnalata, però, l’anomalia di veri e propri manicotti di ghiaccio sui cavi, che hanno appesantito notevolmente le linee elettriche. Nel Maceratese, il vento ha causato il rovesciamento di una piattaforma montata su un camion in marcia lungo la strada tra Villa Potenza e Appignano; non si segnala però alcun ferito, ma solo danni all’impianto. La statale Valdichienti che conduce a Colfiorito, invece, è stata chiusa ieri pomeriggio al traffico (ad eccezione dei residenti) anche sul versante umbro per i problemi provocati dal maltempo nel tratto che dal valico conduce a Camerino. Sul versante marchigiano il valico è stato chiuso a causa della violenta tormenta che imperversa tra il passo e località Fonti delle Mattinate e per consentire l’opera, peraltro molto difficile, degli spazzaneve. Sul tratto interessato erano fermi anche alcuni automezzi pesanti bloccati dal ghiaccio. Il traffico diretto in Umbria è stato deviato sul Passo del Cornello o attraverso Visso. Gli occupanti dei veicoli in transito sul valico umbro-marchigiano di Colfiorito sono stati evacuati dalla polizia stradale e dai vigili del fuoco. L’operazione si è resa necessaria perché i veicoli sono rimasti intrappolati nella neve, senza più la possibilità di proseguire la marcia. Si tratta di una quindicina di persone, che sono state prelevate grazie all’aiuto degli spazzaneve, che tuttavia riescono a liberare la sede stradale soltanto per il tempo necessario al passaggio dell’auto di soccorso, prima che la neve renda di nuovo impossibile il transito. Secondo quanto riferito dalla Polstrada di Macerata la temperatura sul valico è di -12 gradi centigradi.In provincia di Ancona, invece, i vigili del fuoco sono intervenuti per recuperare alcune imbarcazioni disancorate dal vento nel porto turistico. Interventi nell’Anconetano anche a Senigallia e a Osimo, per rami che si sono abbattuti, per le raffiche, sulle strade.

articolo visualizzato 1.336 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 24-12-2003

COMMENTI

Nessun commento all'articolo.

Lascia un commento

  • Anto: Tanto per rompere:- A Ennio. E’ rtivelao cic3b2 che i viventi percepiscono come bene...
  • natural health: Having read this I believed it was extremely informative. I appreciate you...
  • www.thefocc.com: Right here is the perfect website for anyone who wants to find out about this...
  • 5:2 Fast Formula Review: When some one searches for his necessary thing, so he/she wishes to be...
  • do diet patches work: I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog...
  • セリーヌ ラゲージ: Magic toned diy and studs quality this bag. You will unearth raised logo discs inside...
  • buy instagram followers: When I originally commented I clicked the “Notify me when new...
  • short game instruction: I am sure this piece of writing has touched all the internet users, its...
  • Sim City 5 Key: Hello there, You’ve done an excellent job. I will certainly digg it and...
  • Caterina: Ho avuto l’onore di essere stata studentessa presso l’ospedale di Camerino...