GIBAS - Fabbrica Artigiana Lampadari
HOME » Cronaca » Manca la strada all’economia montana
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

Manca la strada all’economia montana


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

Un convegno parla del passato, presente e futuro dell’impresa nell’area della Comunità  Parlare di impresa oggi nella zona montana é sicuramente diverso rispetto a 40 anni fa, quando si insediarono alcune grandi industrie, come la Indesit, ancora presenti nel territorio e, soprattutto, competitive. Per verificare la situazione delle aziende radicate nel territorio dei Sibillini, e sondare se ci sono prospettive per farne nascere delle nuove, la Comunità  montana ha organizzato un forum a Comunanza. A discutere sono intervenuti imprenditori (molti), politici (pochissimi) e cittadini (numerosi). In passato gli imprenditori hanno avuto coraggio nell’investire in questa zona. Ora, sostengono, a nessun industriale verrebbe in mente di affrontare un progetto del genere. La difficoltà  maggiore, il capro espiatorio puntualmente sbattuto sul tavolo della discussione é la viabilità , l’annosa mancanza di grandi snodi stradali o, per dirla in altro modo, la persistenza di strade ormai datate, insufficienti per le esigenze dei nostri tempi. àˆ ovvio che l’adeguamento della rete viaria procede in maniera più lenta rispetto allo sviluppo industriale: non puà nascere una nuova strada per ogni nuova impresa. Di conseguenza é difficile che nascano nuove imprese in prossimità  dei collegamenti stradali. Qualcosa si sta muovendo, ma il problema non si risolve certo raddrizzando o allargando qualche curva. La viabilità  incide molto sull’economia dell’impresa; incide soprattutto sul costo finale del prodotto. Ma anche se rappresenta la maggiore difficoltà  questo non é il solo motivo della carenza di investimenti industriali nell’area dei Sibillini. Mancano, come suggeriscono i responsabili delle industrie, la cultura imprenditoriale, l’uomo che crede nello sviluppo dell’impresa. Per risolvere questo problema bisogna tornare a preparare maestranze che portino ad una produzione di qualità  più che di quantità . La montagna, se vuole essere competitiva dal punto di vista imprenditoriale, deve specializzarsi, “tipicizzarsi”, diventare riconoscibile e apprezzata per i suoi prodotti più pregiati. Solo così potrà  avere un suo posto nell’economia nazionale globalizzata. Altro punto dolente dell’economia locale riguarda i giovani: per troppi anni si é smesso di investire e credere nelle loro potenzialità  applicando strategie a breve termine. Oggi il prezzo di queste scelte lo pagano tutti: i giovani che faticano ad inserirsi nel mondo del lavoro e gli imprenditori che hanno difficoltà  ad innovarsi per restare competitivi sul mercato. Tra le montagne dei Sibillini, dunque, più che di industria si dovrebbe più realisticamente parlare di artigianato, di prodotti di alta qualità , unici, ideati e creati da innovative ed appassionate giovani leve. Cinzia Laurenzi La Voce delle Marche   

articolo visualizzato 665 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 02-10-2007

COMMENTI

Nessun commento all'articolo.

Lascia un commento

  • Anto: Tanto per rompere:- A Ennio. E’ rtivelao cic3b2 che i viventi percepiscono come bene...
  • natural health: Having read this I believed it was extremely informative. I appreciate you...
  • www.thefocc.com: Right here is the perfect website for anyone who wants to find out about this...
  • 5:2 Fast Formula Review: When some one searches for his necessary thing, so he/she wishes to be...
  • do diet patches work: I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog...
  • セリーヌ ラゲージ: Magic toned diy and studs quality this bag. You will unearth raised logo discs inside...
  • buy instagram followers: When I originally commented I clicked the “Notify me when new...
  • short game instruction: I am sure this piece of writing has touched all the internet users, its...
  • Sim City 5 Key: Hello there, You’ve done an excellent job. I will certainly digg it and...
  • Caterina: Ho avuto l’onore di essere stata studentessa presso l’ospedale di Camerino...