GIBAS - Fabbrica Artigiana Lampadari
HOME » Cronaca » Le accuse di AN “Una cura dimagrante tutta sbagliata”.
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

Le accuse di AN “Una cura dimagrante tutta sbagliata”.


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

LE ACCUSE DI AN «Una cura dimagrante tutta sbagliata»cANCONA — E il gruppo consiliare regionale di An spara a zero contro la «cura dimagrante» dell’ assessore alla sanità Augusto Melappioni per razionalizzare la spesa del settore. «Una cura — hanno detto gli esponenti di An ieri durante una conferenza — senza tenere conto di alcuni parametri, come l’ indice di utilizzo dei posti letto, senza coinvolgere le conferenze dei sindaci e senza considerare che abbiamo un piano sanitario regionale in scadenza nel 2002. Risparmiare va bene, ma non a costo di tagliare servizi e possibilità terapeutiche».«Ci risulta — ha annunciato il capogruppo Carlo Ciccioli — che alle aziende sanitarie e ospedaliere sono arrivate richieste da parte della Regione di ridurre del 20% le prescrizioni di farmaci e del 15% il consumo di materiale vario, dalle garze alle lastre radiografiche. Il taglio dei posti letto previsto dalla normativa nazionale rischia di provocare la chiusura della rianimazione post-operatoria per la neurochirurgia».Melappioni dovrà riferire oggi alla quinta commissione consiliare sulle linee strategiche per la sanità, ha ricordato il vice presidente della commissione Fabio Pistarelli. Ma nel mirino di An c’ è anche l’ agenzia regionale sanitaria. «E’ stata voluta dal precedente assessore Mascioni — ha ricordato Ciccioli — proprio per capire i bisogni dei marchigiani e indirizzare la spesa. Un organismo, l’ unico tra quelli regionali senza revisori dei conti, che evidentemente non ha funzionato». E a riprova, Franca Romagnoli ha citato una richiesta del presidente della giunta D’ Ambrosio alla Svim, la società Sviluppo Marche, affinchè contribuisca alla progettazione della centrale degli acquisti di beni e servizi da parte delle aziende sanitarie e ospedaliere delle Marche. «Che c’ entra la Svim in questo progetto?», si è chiesta. Guido Castelli ha invitato la giunta a «utilizzare criteri di equità», salvaguardando in particolare il destino dei tre ospedali di montagna di Novafeltria, Cingoli e Amandola. Sergio Novelli ha infine definito «uno spettacolo penoso» il consiglio comunale aperto tenutosi ad Ancona e ha accusato Melappioni di avere assunto «un approccio troppo matematico».

articolo visualizzato 533 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 24-01-2002

COMMENTI

Nessun commento all'articolo.

Lascia un commento

  • Anto: Tanto per rompere:- A Ennio. E’ rtivelao cic3b2 che i viventi percepiscono come bene...
  • natural health: Having read this I believed it was extremely informative. I appreciate you...
  • www.thefocc.com: Right here is the perfect website for anyone who wants to find out about this...
  • 5:2 Fast Formula Review: When some one searches for his necessary thing, so he/she wishes to be...
  • do diet patches work: I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog...
  • セリーヌ ラゲージ: Magic toned diy and studs quality this bag. You will unearth raised logo discs inside...
  • buy instagram followers: When I originally commented I clicked the “Notify me when new...
  • short game instruction: I am sure this piece of writing has touched all the internet users, its...
  • Sim City 5 Key: Hello there, You’ve done an excellent job. I will certainly digg it and...
  • Caterina: Ho avuto l’onore di essere stata studentessa presso l’ospedale di Camerino...