GIBAS - Fabbrica Artigiana Lampadari
HOME » Cronaca » “La Fenice” risorge per il festival
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

“La Fenice” risorge per il festival


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

“La Fenice” risorge per il festival Amandola, nel segno dell’aria la diciottesima edizione dell’evento culturale dei Sibillini di FURIO TARQUINIOAMANDOLA – Acrobazie e suoni del vento nella convergenza delle varie arti. Il tutto nel segno dell’aria, legata alla Sibilla Eritrea. Si avvicina la diciottesima edizione del “Festival della Terra delle Sibille”, terza edizione legata alla direzione artistica di Pepi Morgia. L’appuntamento è fissato a fine mese, con partenza il 26 agosto, tra Amandola, Comunanza, Montefalcone, Montefortino, Montemonaco, Santa Vittoria e Smerillo.Ancora da definire nei dettagli il cartellone, ma tra i vari nomi spiccano Alberto Fortis, Sergio Cammeriere e Iaia Forte. Oltre a qualche altro big al posto di Ron che ha dovuto disdire all’ultimo momento. Il Festival è stato presentato ieri mattina nella sede della Fondazione Carisap, principale ente patrocinatore. «La validità culturale del progetto di Pepi Morgia – spiega il presidente della Fondazione, Vincenzo Marini Marini – e il richiamo di presenze sul territorio che è proprio dell’evento ci hanno spinto a erogare il nostro contributo». Per Amandola l’edizione del Festival si lega anche alla riapertura del teatro La Fenice, il 26 agosto, dopo un restauro di 12 anni. «Un teatro di origine cinquecentesca – dice il sindaco della cittadina amandolese, Franco Rossi – che è di nuovo a disposizione del territorio. Quanto al Festival posso dire che la scelta di tre anni fa è risultata vincente». D’accordo con il sindaco anche il presidente della Comunità Montana, Domenico Ciaffaroni. «Un Festival per il territorio montano ma anche per tutta la provincia – a parlare è l’assessore provinciale alla Cultura, Carlo Verducci – in un anno in cui la presenza turistica nel Piceno aumenta dell’undici per cento rispetto all’anno scorso». Verducci ricorda che oltre al teatro di Amandola a giorni tornerà a vivere anche quello di Santa Vittoria. Dopo una prima edizione dedicata al fuoco (2000) e una alla terra (2001), terzo capitolo del progetto di Pepi Morgia con la Sibilla Eritrea e l’aria.L’anno prossimo si chiuderà il cerchio con l’elemento terra. «Penso a spettacoli legati all’aria – spiega il direttore artistico – sotto forma di acrobati circensi, di suoni che richiamano il vento quali quelli propri degli strumenti a fiato». Teatro, danza e musica in primo piano ripartite in quattro spettacoli in quattro momenti differenti del giorno, come tradizione. Gli spettacoli saranno una trentina. «Stiamo contattando due big – dice il direttore dell’Amat, Raimondo Arcolai – e per il 23 presenteremo il programma. Abbiamo realizzato un Festival con 160 milioni delle vecchie lire e utilizzeremo il teatro La Fenice, il chiostro di San Francesco, il Rococò e Piazza Risorgimento».

articolo visualizzato 622 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 02-08-2002

COMMENTI

Nessun commento all'articolo.

Lascia un commento

  • Anto: Tanto per rompere:- A Ennio. E’ rtivelao cic3b2 che i viventi percepiscono come bene...
  • natural health: Having read this I believed it was extremely informative. I appreciate you...
  • www.thefocc.com: Right here is the perfect website for anyone who wants to find out about this...
  • 5:2 Fast Formula Review: When some one searches for his necessary thing, so he/she wishes to be...
  • do diet patches work: I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog...
  • セリーヌ ラゲージ: Magic toned diy and studs quality this bag. You will unearth raised logo discs inside...
  • buy instagram followers: When I originally commented I clicked the “Notify me when new...
  • short game instruction: I am sure this piece of writing has touched all the internet users, its...
  • Sim City 5 Key: Hello there, You’ve done an excellent job. I will certainly digg it and...
  • Caterina: Ho avuto l’onore di essere stata studentessa presso l’ospedale di Camerino...