GIBAS - Fabbrica Artigiana Lampadari
HOME » Cronaca » La ASL richiude il reparto
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

La ASL richiude il reparto


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

La Asl 13 «richiude» il reparto AMANDOLA — Nuova chiusura del reparto di ostetricia. Nonostante la recente sentenza del tar, la Asl 13 ha deliberato il blocco dell'attività a «tempo indeterminato». E' quanto denuncia il consigliere regionale di An, Guido Castelli, che ha presentato un'interrogazione urgente al presidente della Regione, D'Ambrosio, in merito alla «guerra» in atto tra il Comune di Amandola e la Asl 13 di Ascoli circa la sopravvivenza del reparto di ostetricia-ginecologia dell'ospedale montano. Castelli tuona contro il commissario straordinario della Asl, Mario Maresca: «Non è ammissibile che si sostituisca al legislatore regionale, cercando di precostituire situazioni tali da condizionare le successive scelte di programmazione sanitaria». Ad Amandola sembrava tutto pronto per la riapertura del reparto. Ma la Asl 13 sembra non piegarsi. «Nei giorni scorsi — spiega il consigliere di An — il Tar delle Marche, su ricorso del sindaco di Amandola, Franco Rossi, ha annullato il provvedimento con il quale la Asl aveva disposto la chiusura (sino al 30 settembre) del punto nascite del nosocomio amandolese. Apprendiamo ora, non senza stupore, che la Asl 13, per tutta risposta all'ordinanza del giudice amministrativo, ha deliberato di nuovo la chiusura, stavolta a tempo indeterminato, del servizio. Accanimento sanitario? Rivincita rispetto all'ennesimo stop imposto dalla magistratura? Ogni interpretazione è lecita se si analizza attentamente la contraddittoria serie degli atti posti in essere ultimamente dall'Asl 13 rispetto al servizio di ginecologia di Amandola». Castelli entra nel merito: «Il 19 giugno scorso la chiusura del punto nascite era stata disposta solo per il periodo luglio-settembre, per ragioni connesse alle ferie del personale. Il 30 agosto, la Asl 13 scopre in realtà che il servizio non presenta livelli di sicurezza adeguati e che va chiuso definitivamente. Un interrogativo è d'obbligo: ma se la ginecologia di Amandola sino al 19 giugno era ritenuta sicura, cosa è successo dopo? Ogni commento è superfluo, ma la circostanza è tanto più grave se si considera che il Consiglio regionale sarà chiamato nelle prossime settimane a discutere del nuovo Piano sanitario (il vecchio è scaduto) e della riforma dell'assetto organizzativo. Quella è la sede per assumere ogni decisione in ordine al destino dell'ospedale di Amandola». Fabio Paci

articolo visualizzato 632 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 04-09-2002

COMMENTI

Nessun commento all'articolo.

Lascia un commento

  • Anto: Tanto per rompere:- A Ennio. E’ rtivelao cic3b2 che i viventi percepiscono come bene...
  • natural health: Having read this I believed it was extremely informative. I appreciate you...
  • www.thefocc.com: Right here is the perfect website for anyone who wants to find out about this...
  • 5:2 Fast Formula Review: When some one searches for his necessary thing, so he/she wishes to be...
  • do diet patches work: I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog...
  • セリーヌ ラゲージ: Magic toned diy and studs quality this bag. You will unearth raised logo discs inside...
  • buy instagram followers: When I originally commented I clicked the “Notify me when new...
  • short game instruction: I am sure this piece of writing has touched all the internet users, its...
  • Sim City 5 Key: Hello there, You’ve done an excellent job. I will certainly digg it and...
  • Caterina: Ho avuto l’onore di essere stata studentessa presso l’ospedale di Camerino...