GIBAS - Fabbrica Artigiana Lampadari
HOME » Cronaca » L’ospedale che vogliamo
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

L’ospedale che vogliamo


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

AMANDOLA — Resi noti tutti i punti contenuti nella proposta della Comunità Montana dei Sibillini finalizzata a migliorare il Piano sanitario regionale 2003-2005. Tre le richieste fondamentali: la specifica destinazione e l'utilizzo dei poli ospedalieri (è il caso del nosocomio di Amandola); la revoca della delibera della Giunta regionale n. 1688 del 17 settembre 2002, con la quale si procedeva alla chiusura a tempo indeterminato del 'punto nascita' presso l'ospedale montano; il non assoggettamento degli ospedali di Amandola e Novafeltria ai Drg così come indicato nella delibera n. 1621 del 10 settembre 2002, che di fatto stimola i dirigenti delle aziende sanitarie a inviare i pazienti presso le strutture di rete, dove i rimborsi per le stesse patologie sono economicamente più remunerativi. “Nel nuovo Piano sanitario -sottolinea il sindaco Franco Rossi- deve essere inserito uno specifico articolo nel quale si evidenzi la funzione degli ospedali montani (Amandola e Novafeltria) nel tessuto specifico della regione Marche, nel quale la loro ubicazione strategica non può essere accomunata ad altri 'poli ospedalieri' presenti. Inoltre, vanno evidenziate specificatamente le funzioni che gli ospadeli di Amandola e Novafeltria debbono svolgere e in particolare: funzione di ricovero e cura per pazienti con patologie di esclusivo carattere medico e chirurgico, con apertura dei reparti 24 ore su 24 e per sette giorni la settimana; funzione di ricovero e 'punto nascita' per le pazienti ostetriche, ricovero per patologie di carattere ginecologico (anche in questo caso 24 ore su 24); produzione di progetti volti alla migliore offerta di salute su area vasta che non deve essere considerata solo all'interno della Azienda di riferimento; individuazione di fondi, anche extra sanitari, come previsto nel precedente Piano sanitario regionale, per sostenere le due realtà marchigiane proprio per l'alta vocazione sociale nelle zone di pertinenza”. Intanto è stata annunciata l'imminente costituzione di un 'tavolo tecnico' composto da politici di Amandola e Novafeltria e sostenuto dai rispettivi comitati cittadini. Obiettivo: redigere un documento unico per salvare i due nosocomi. Fabio Paci

articolo visualizzato 625 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 27-02-2003

COMMENTI

Nessun commento all'articolo.

Lascia un commento

  • Anto: Tanto per rompere:- A Ennio. E’ rtivelao cic3b2 che i viventi percepiscono come bene...
  • natural health: Having read this I believed it was extremely informative. I appreciate you...
  • www.thefocc.com: Right here is the perfect website for anyone who wants to find out about this...
  • 5:2 Fast Formula Review: When some one searches for his necessary thing, so he/she wishes to be...
  • do diet patches work: I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog...
  • セリーヌ ラゲージ: Magic toned diy and studs quality this bag. You will unearth raised logo discs inside...
  • buy instagram followers: When I originally commented I clicked the “Notify me when new...
  • short game instruction: I am sure this piece of writing has touched all the internet users, its...
  • Sim City 5 Key: Hello there, You’ve done an excellent job. I will certainly digg it and...
  • Caterina: Ho avuto l’onore di essere stata studentessa presso l’ospedale di Camerino...