GIBAS - Fabbrica Artigiana Lampadari
HOME » Cronaca » L’impero dei Trinci in 113 fortezze
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

L’impero dei Trinci in 113 fortezze


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

E’ già iniziato il restauro di alcune delle rocche e delle torri dell’antica famiglia folignate L’impero dei Trinci in 113 fortezze di ELENA GIULIANI FOLIGNO – Foligno, città di ”segni”. Non solo quelli ”barocchi” che più di altri la connotano. Ma anche i ”segni” di un’età precedente che ha visto il dominio della Signoria dei Trinci espandersi nel territorio folignate e non solo. E conseguentemente fiorire una miriade di fortificazioni, nate per difendere i vasti possedimenti di una dinastia ”grande e terribile” che tanta parte ha avuto nel tracciare la storia anche culturale della nostra città. Oggi quelle fortificazioni sono oggetto di una mostra grafica (una ottantina di disegni a china color seppia di Luciano Colia) e fotografica: ”Rocche e castelli esistenti in terra dei Trinci-secoli XIV-XV”, a cura della sede di Foligno dell’Archeoclub d’Italia che si terrà dal 22 ottobre al 2 novembre presso l’Oratorio di S. Maria di Betlem. La rassegna è frutto di una ricerca che ha evidenziato come i Trinci avessero il dominio di circa 113 fortificazioni, sparse in Umbria, Marche e Lazio. Di queste ben 25 nel Comune di Foligno, 5 Valtopina, 8 Nocera Umbra, 4 Trevi, 6 Gualdo Cattaneo, 3 Castel Ritaldi, 1 Gualdo Tadino, 3 Montefalco, 1 Campello sul Clitunno, 5 Bevagna, 2 Cannara, 1 Bettona, 5 Giano dell’Umbria, 1 Massa Martana, 3 Acquasparta, 1 San Gemini, 1 Amelia, 1 Cesi, 4 Terni, 11 Spoleto, 1 Polino, 6 Sellano, 1 Assisi, 1 Cascia, 1 Norcia, 2 Cerreto di Spoleto. Ed inoltre, Sorìfa, Visso, Ussita e Amandola nelle Marche, nonché Stiano, Fiano e Leonessa nel Lazio. Un patrimonio di enorme importanza che durante il terremoto del 1997 ha subìto ulteriori gravi danni. Ma c’è pure il rovescio della medaglia: dopo il sisma, la ricostruzione con relativi finanziamenti ha consentito non solo di prendere coscienza dell’esistenza di queste straordinarie testimonianze storiche, ma ha spinto in qualche caso i vari comuni terremotati a metter mano ad un loro recupero perlomeno conservativo. Tra questi, il castello di Pale, Popola, S.Eraclio, Verchiano, Morro di Roccafranca, Castel San Giovanni di Pissignano, Montesanto di Gallano, Cisterna, Visso, Polino, Macerino, Torri. Ma tanti altri potrebbero e dovrebbero essere recuperati: a Serrone, Rasiglia, Civitella, Calestro, Capodacqua, Castel Salvino, Serra di Valtopina, Postignano di Nocera, Castelbuono di Bevagna, Acquasparta, Rocca Alberici di Sellano. Ma l’elenco non finisce qui.

articolo visualizzato 898 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 20-10-2003

COMMENTI

Nessun commento all'articolo.

Lascia un commento

  • Anto: Tanto per rompere:- A Ennio. E’ rtivelao cic3b2 che i viventi percepiscono come bene...
  • natural health: Having read this I believed it was extremely informative. I appreciate you...
  • www.thefocc.com: Right here is the perfect website for anyone who wants to find out about this...
  • 5:2 Fast Formula Review: When some one searches for his necessary thing, so he/she wishes to be...
  • do diet patches work: I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog...
  • セリーヌ ラゲージ: Magic toned diy and studs quality this bag. You will unearth raised logo discs inside...
  • buy instagram followers: When I originally commented I clicked the “Notify me when new...
  • short game instruction: I am sure this piece of writing has touched all the internet users, its...
  • Sim City 5 Key: Hello there, You’ve done an excellent job. I will certainly digg it and...
  • Caterina: Ho avuto l’onore di essere stata studentessa presso l’ospedale di Camerino...