GIBAS - Fabbrica Artigiana Lampadari
HOME » Cronaca » In visita al Corriere Adriatico
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 5,00 su 5)
Loading ... Loading ...

In visita al Corriere Adriatico


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

Graditi ospiti gli alunni delle elementari di Montefortino e Amandola ASCOLI – Gli alunni delle scuole primarie di Amandola e Montefortino hanno visitato la redazione del Corriere Adriatico di Ancona. Tante le domande che gli alunni hanno rivolto su come nasce un giornale, si realizza e si stampa. Questi i nomi degli alunni che sono stati nostri graditi ospiti: Caterina Del Balzi, Emily Festoso, Rachele Giacomozzi, Sofia Gobbi, Massimiliano Guglielmi, Cristiano Innamorati, Manolo Moré, Letizia Paolini, Mattia Ripani, Alex Serra, Chiara Squarcia, Vittorio Teso, Edoardo Zeppilli, Federica Bacidori, Ramona Ciotti, Umberto Di Antonio, Cristian Gezzi, Francesca Moretti, Miriam Buratti, Ludovica De Santis, Mattia Del Gobbo, Laura Di Mulo, Francesca Gasparri, Laura Buratti, Riccardo Isidori, Patrycja Magjerska, Matteo Michelini, Riccardo Scagnoli, Enrico Sciamanna, Riccardo Galié, Leonardo Virgili, Gianluca Vitali, Alex Piermarini, Ester Ravanesi, Giulia Viola, Alessio Pacetti. Gli alunni delle primarie sono stati accompagnati dalle insegnanti Rosanna Amici, Saveria Giacomozzi, Manuela Annessi, Patrizia Giannini.corriere adriatico

articolo visualizzato 5.923 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 09-04-2008

COMMENTI

1 Commento all'articolo.
  • 1 Mauro 10 settembre 2009 alle 17:10

    Alle insegnanti degli alunni che hanno accompagnato i loro alunni nella sede del giornale “Corriere Adriatico” io farei notare che oggi la stampa è completamente succube del potere politico-economico.
    I giornali italiani prendono dallo stato e quindi da noi contribuenti, circa un miliardo di euro all’anno in finanziamenti. Quindi è naturale non opporsi al regime mediatico oggi presente nel nostro martoriato paese altrimenti, la legge del mercato cancellerebbe immediatamente questi giornali che con le sole vendite chiuderebbero in un batibaleno.
    Perchè chiuderebbero in battibaleno?
    Semplice perchè non fanno giornalismo vero ma solo chiacchiere che non toccano il potere.
    Il giornalismo e quindi la conoscenza è il quarto potere dello stato
    perchè è tramite esso che nasce il cittadino informato e consapevole e di conseguenza il controllo da parte di quest’ultimo del potere.
    L’unico modo per essere informati oggi è la rete.
    I politici stanno facendo di tutto per poter fermare questo nuovo modo di capire la realtà ma non ce la faranno mai.
    La rete è troppo grande e libera e presto spazzerà via questi politici corrotti e mafiosi ed i loro servi giornalisti.
    Quindi a quei bambini innocenti, care maestre, dovete inculcare la nuova tecnologia comunicativa e non il vecchio marcio mondo del giornalismo servo e lecchino del potere.
    Create care maestre , nuove coscienze che non si conformino allo standard e vigilate su quei bimbi perchè siano pronti ad entrare in mondo dove il potere li vuole succubi e disinformati.

Lascia un commento

  • Anto: Tanto per rompere:- A Ennio. E’ rtivelao cic3b2 che i viventi percepiscono come bene...
  • natural health: Having read this I believed it was extremely informative. I appreciate you...
  • www.thefocc.com: Right here is the perfect website for anyone who wants to find out about this...
  • 5:2 Fast Formula Review: When some one searches for his necessary thing, so he/she wishes to be...
  • do diet patches work: I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog...
  • セリーヌ ラゲージ: Magic toned diy and studs quality this bag. You will unearth raised logo discs inside...
  • buy instagram followers: When I originally commented I clicked the “Notify me when new...
  • short game instruction: I am sure this piece of writing has touched all the internet users, its...
  • Sim City 5 Key: Hello there, You’ve done an excellent job. I will certainly digg it and...
  • Caterina: Ho avuto l’onore di essere stata studentessa presso l’ospedale di Camerino...