GIBAS - Fabbrica Artigiana Lampadari
HOME » Cronaca » Il personaggio del momento: Pepi Morgia.
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

Il personaggio del momento: Pepi Morgia.


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

Il personaggio del momento. Pepi Morgia, light designer e regista, assistente di Lele Luzzati, spiega perché ha scelto la nostra regione Le Marche, una fiaba da vivere «Le potenzialità sono alte. Qui posso permettermi di firmare progetti a titolo gratuito»di MARIA MANGANAROAlto, magro, dinoccolato, il principe Pepi Morgia, come Giampiero Solari, Gustav Kuhn e molti altri che incontreremo sulla nostra strada, sceglie di risiedere e lavorare nelle Marche per lavorare come lighting designer e regista di eventi pubblici. Lo incontriamo in una delle tante piazze della regione dove porta luci, immagini e suoni. Quando intuisci che le Marche sono un luogo ideale per te?«Dirigo Musicultura a Recanati da 11 anni, ma solo qualche mese fa, quando mi è stata affidata la direzione artistica di Scena Picena e del festival di Amandola, ho deciso di fare un anno di investimento anche finanziario in questa regione. Grazie al nome che mi sono fatto in giro per il mondo, posso permettermi di firmare progetti anche a titolo gratuito, come il Gran Ballo delle Sirene a Senigallia o Argonautika a Jesi. Le retribuzioni arrivano da altre parti». Perché investire proprio qua?«Le potenzialità delle Marche sono alte, ma per realizzarle credo che siano necessari consigli e guida. Beninteso, non alludo a una colonizzazione bensì a un coordinamento. D’altra parte, l’occhio di una persona esterna serve a non far dimenticare ciò che vivi nella consuetudine della quotidianità. Avere tanti teatri significa far lavorare al meglio questi gioielli che fino ad oggi hanno dato poco anche in ragione del fatto che, indubbiamente, costa parecchio tenerli aperti, come dicono spesso gli organizzatori. Fino a un anno fa, le Marche mi erano sconosciute, ora è tutta una sorpresa, specie l’entroterra. A Penna San Giovanni, nella campagna intorno a Sarnano, c’è un teatrino delizioso di 90 posti. Dentro, smontando la platea, vorrei fare un carnevale barocco con spettacoli, gente in costume e fuochi freddi, per recuperare l’anima di quel teatro del ’700. Sarà il mio prossimo progetto, ancora un investimento. Sono sogni nel cassetto che voglio realizzare. E’ una regione che mi fa sognare. Dalle Sibille alle Sirene, trovo un filo conduttore onirico, fiabesco. Sono un assistente di Lele Luzzati ed è per questo che il fiabesco mi piace. Vorrei anche fare un festival di gnomi e folletti, condito con l’ipertecnologia a me vicina. Il mio stile è fatto di commistioni di materiali e sensazioni. Le Sibille sono qui da 7000 anni ma nessuno le ha sfruttate come elemento coesivo di un festival . Il pubblico ha bisogno di sentire stimolati quei sogni e quelle favole che ha dentro. Il mio lavoro di creativo è fatto di assemblaggi multidisciplinari legati da un filo conduttore».Qual è la tua residenza?«A Recanati vivo da due anni nel settecentesco palazzo Ceccaroni, in quella che è stata una residenza del fratello di Giacomo Leopardi. Ho un’altra residenza a Grottammare in un villino liberty sulla spiaggia. Ho anche una casa a Roma e una nel piccolo principato di Seborga sulla Costa Azzurra. Pensavo di rimanere isolato qui nelle Marche e invece il collegamento aereo per me è perfetto perché mi consente di arrivare a Monaco e da lì raggiungere gli Emirati Arabi, il Giappone o Londra dove lavoro regolarmente». Parliamo un po’ del tuo sangue blu.«Sono un aristocratico del ramo cadetto ligure di una famiglia yidalga trapiantata a Francavilla di Sicilia e imparentata con gli imperiali. Il mio vero nome è Gian Luigi Maria Renato Marcello Morgia imperiale di Francavilla. Volendo, potrei vivere le occasioni mondane e conviviali dell’aristocrazia ma faccio altro. La nobiltà non è solo quella dei salotti che non ho mai vissuto. Vivo i miei salotti nel mondo del teatro tra un debutto e una prima. Vado fiero delle mie origini perché essere aristocratico significa avere una storia di famiglia, ed è una cosa importante».Torniamo a noi e ai marchigiani.«Posso parlare della diffidenza dei Piceni. Anche loro come i pesaresi di cui parlava Kuhn in una tua precedente intervista, mi tengono sotto osservazione professionale e privata. Ogni volta è un esame che mi procura maggiori ansie che in qualunque altra parte del mondo. Ormai, però, cominciano a conoscere il mio nome. A Recanati sono consulente artistico della città a titolo gratuito. Sanno che ho lavorato con De Andrè e con Baglioni ma mi lasciano tranquillo, non mi chiedono mai un biglietto omaggio. E va bene così, forse non mi sarei trovato altrettanto bene con un carattere più espansivo. Trovo stimolante lavorare con gli assessori giovani che mi chiedono consigli». Che rapporto avevi con Fabrizio De André?«Sono stato per trent’anni suo amico e regista. Mi chiamava il principe anarco-monarchico. Gli altri suoi appellativi erano Capitan Fracassa e Corsaro nero visto che vesto sempre d nero. Il mio rapporto con lui era un’amicizia fraterna. Lui mi ha aiutato a essere il Pepi Morgia di oggi, mi ha consigliato e spronato a passare da light designer a regista. A lui chiedevo quotidianamente consigli anche per i miei documentari in giro per il mondo. Era un viaggiatore sedentario che conosceva cose particolari di ogni paese. Fantasticavamo spesso su viaggi da fare insieme che però non abbiamo mai fatto, era molto pigro».Quali sono i tuoi gusti alimentari? «Mangio molto pesce, mi piacciono i vincisgrassi. Non mangio salumi né troppa carne. Essendo un curioso, provo un po’ di tutto».

articolo visualizzato 2.612 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 12-01-2001

COMMENTI

1 Commento all'articolo.
  • 1 veronica 17 luglio 2008 alle 00:27

    recanati è molto bella..e il palazzo ceccaroni è una cosa spettacolare. io mi sono innamorata. troppo bello!

Lascia un commento

  • Anto: Tanto per rompere:- A Ennio. E’ rtivelao cic3b2 che i viventi percepiscono come bene...
  • natural health: Having read this I believed it was extremely informative. I appreciate you...
  • www.thefocc.com: Right here is the perfect website for anyone who wants to find out about this...
  • 5:2 Fast Formula Review: When some one searches for his necessary thing, so he/she wishes to be...
  • do diet patches work: I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog...
  • セリーヌ ラゲージ: Magic toned diy and studs quality this bag. You will unearth raised logo discs inside...
  • buy instagram followers: When I originally commented I clicked the “Notify me when new...
  • short game instruction: I am sure this piece of writing has touched all the internet users, its...
  • Sim City 5 Key: Hello there, You’ve done an excellent job. I will certainly digg it and...
  • Caterina: Ho avuto l’onore di essere stata studentessa presso l’ospedale di Camerino...