GIBAS - Fabbrica Artigiana Lampadari
HOME » Cronaca » Il Cai compie un quarto di secolo
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

Il Cai compie un quarto di secolo


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

Amandola, tre giorni di iniziative sportive, mostre fotografiche e l’incontro con l’alpinista Manolo Il Cai compie un quarto di secolo AMANDOLA – Un viaggio lungo venticinque anni, costellato di escursioni, ma soprattutto di conoscenza e di amore per la montagna, quella più bella delle Marche, i Sibillini, collezionando vette di emozioni. La sezione amandolese del Club Alpino Italiano compie un quarto di secolo e lo festeggia con una manifestazione ricca che si protrae per tutto il fine settimana. Oggi, escursioni, consegna dei riconoscimenti per i soci iscritti fin dalla costituzione della sezione, inaugurazione mostre fotografiche “Un viaggio lungo venticinque anni” e “Forma e segno”, quest’ultima del fotografo e poeta Giorgio Tassi. Domani, ancora escursioni, giro lago di San Ruffino in mountain bike, e la sera alle 21.30 nel cinema Europa incontro con l’alpinista di fama internazionale Manolo, mentre dalle 17 alle 20, arrampicata libera su struttura artificiale in Piazza Risorgimento. Si conclude domenica con le solite escursioni mattutine, il giro della contrada Marnacchia in mountain bike e gara open di arrampicata libera sempre in piazza Risorgimento. La passione per la montagna ha unito un gruppo di amici diversi anni orsono. Nasce una prima collaborazione con la sezione CaiI di Ascoli e nel 1979 viene costituita la Sottosezione di Amandola, dando inizio ad un nuovo cammino. Una sede, i primi corsi di formazione, il coinvolgimento e l’attenzione verso i giovani, il confronto e la condivisione del proprio amore per la montagna con altre sezioni del Cai. Un viaggio all’insegna della crescita e della formazione: nel 1986 viene costituita la Scuola di Sci di fondo escursionistico “Leprotto Romeo” che nel 1994 diventa scuola nazionale. Parallelamente vengono sempre più praticate l’attività escursionistica e l’arrampicata. FRANCESCO MASSI

articolo visualizzato 813 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 06-08-2004
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

Il Cai compie un quarto di secolo


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

Amandola, tre giorni di iniziative sportive, mostre fotografiche e l’incontro con l’alpinista Manolo Il Cai compie un quarto di secolo AMANDOLA – Un viaggio lungo venticinque anni, costellato di escursioni, ma soprattutto di conoscenza e di amore per la montagna, quella più bella delle Marche, i Sibillini, collezionando vette di emozioni. La sezione amandolese del Club Alpino Italiano compie un quarto di secolo e lo festeggia con una manifestazione ricca che si protrae per tutto il fine settimana. Oggi, escursioni, consegna dei riconoscimenti per i soci iscritti fin dalla costituzione della sezione, inaugurazione mostre fotografiche “Un viaggio lungo venticinque anni” e “Forma e segno”, quest’ultima del fotografo e poeta Giorgio Tassi. Domani, ancora escursioni, giro lago di San Ruffino in mountain bike, e la sera alle 21.30 nel cinema Europa incontro con l’alpinista di fama internazionale Manolo, mentre dalle 17 alle 20, arrampicata libera su struttura artificiale in Piazza Risorgimento. Si conclude domenica con le solite escursioni mattutine, il giro della contrada Marnacchia in mountain bike e gara open di arrampicata libera sempre in piazza Risorgimento. La passione per la montagna ha unito un gruppo di amici diversi anni orsono. Nasce una prima collaborazione con la sezione CaiI di Ascoli e nel 1979 viene costituita la Sottosezione di Amandola, dando inizio ad un nuovo cammino. Una sede, i primi corsi di formazione, il coinvolgimento e l’attenzione verso i giovani, il confronto e la condivisione del proprio amore per la montagna con altre sezioni del Cai. Un viaggio all’insegna della crescita e della formazione: nel 1986 viene costituita la Scuola di Sci di fondo escursionistico “Leprotto Romeo” che nel 1994 diventa scuola nazionale. Parallelamente vengono sempre più praticate l’attività escursionistica e l’arrampicata. FRANCESCO MASSI

articolo visualizzato 0 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 06-08-2004

COMMENTI

Nessun commento all'articolo.

Lascia un commento

  • Anto: Tanto per rompere:- A Ennio. E’ rtivelao cic3b2 che i viventi percepiscono come bene...
  • natural health: Having read this I believed it was extremely informative. I appreciate you...
  • www.thefocc.com: Right here is the perfect website for anyone who wants to find out about this...
  • 5:2 Fast Formula Review: When some one searches for his necessary thing, so he/she wishes to be...
  • do diet patches work: I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog...
  • セリーヌ ラゲージ: Magic toned diy and studs quality this bag. You will unearth raised logo discs inside...
  • buy instagram followers: When I originally commented I clicked the “Notify me when new...
  • short game instruction: I am sure this piece of writing has touched all the internet users, its...
  • Sim City 5 Key: Hello there, You’ve done an excellent job. I will certainly digg it and...
  • Caterina: Ho avuto l’onore di essere stata studentessa presso l’ospedale di Camerino...