GIBAS - Fabbrica Artigiana Lampadari
HOME » Cronaca » Grazie a chi ci salvò rischiando la propria vita
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

Grazie a chi ci salvò rischiando la propria vita


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

Gli ex prigionieri Grazie a chi ci salvò rischiando la propria vita MACERATA Il sessantesimo anniversario dell’armistizio dell’8 settembre 1943 sarà ricordato in settimana dalla Fondazione italo-britannica “Monte San Martino Trust” con una manifestazione nelle Marche che, denominata “Sentiero della Libertà San Martino”, ha lo scopo ha detto l’organizzatore Luigi Pieghetti di «esprimere la gratitudine di noi ex prigionieri di guerra ai tanti italiani che, rischiando la loro vita e condividendo quel poco che avevano, fecero tutto il possibile per aiutarci». La marcia commemorativa di ringraziamento “San Martino freedom trail” parte oggi da Servigliano (Ascoli Piceno), dove verrà rievocata la fuga in massa dall’ex campo di concentramento del paese marchigiano dal quale scapparono oltre duemila prigionieri. Ripercorrendo quei vecchi sentieri, saranno attraversati i paesi che furono testimoni attivi dell’aiuto dato ai prigionieri in fuga: Amandola, Monte San Martino, Sarnano, Pintura di Bolognola Garulla e, infine, Montalto di Cessapalombo, dove domenica si svolgerà poi la cerimonia conclusiva (con inizio a mezzogiorno). Si tratta di luoghi tutti carichi di memoria e di simbolismo. La marcia commemorativa ha il patrocinio della Provincia di Macerata. Fondata dall’inglese Keith Killby, la Fondazione Monte San Martino Trust, che ha sede legale a Londra, in Lambolle Road 18, è oggi presieduta da Brian Lett. Lo scopo principale della Fondazione è quello di assegnare borse di studio per l’insegnamento della lingua inglese in Inghilterra a giovani italiani, privilegiando i discendenti di coloro che aiutarono i prigionieri di guerra alleati a nascondersi e a non morire di fame nell’Italia occupata tra il settembre ’43 e l’aprile del ’45. Fino ad oggi sono stati più di duecento i giovani italiani che hanno potuto beneficiare delle borse di studio.

articolo visualizzato 564 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 11-09-2003

COMMENTI

Nessun commento all'articolo.

Lascia un commento

  • Anto: Tanto per rompere:- A Ennio. E’ rtivelao cic3b2 che i viventi percepiscono come bene...
  • natural health: Having read this I believed it was extremely informative. I appreciate you...
  • www.thefocc.com: Right here is the perfect website for anyone who wants to find out about this...
  • 5:2 Fast Formula Review: When some one searches for his necessary thing, so he/she wishes to be...
  • do diet patches work: I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog...
  • セリーヌ ラゲージ: Magic toned diy and studs quality this bag. You will unearth raised logo discs inside...
  • buy instagram followers: When I originally commented I clicked the “Notify me when new...
  • short game instruction: I am sure this piece of writing has touched all the internet users, its...
  • Sim City 5 Key: Hello there, You’ve done an excellent job. I will certainly digg it and...
  • Caterina: Ho avuto l’onore di essere stata studentessa presso l’ospedale di Camerino...