GIBAS - Fabbrica Artigiana Lampadari
HOME » Cronaca » Gli stilisti scoprono la lana dei Sibillini
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

Gli stilisti scoprono la lana dei Sibillini


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

AMANDOLA — Artigianato di prima classe e abbigliamento d’alta moda, (e i nomi sono quelli di Carlo Piacenza, Laura Zegna e Marcello Tombolini), si trasformano in prestigiosi souvenir che arrivano direttamente dal parco nazionale dei Monti Sibillini. È il Gal Sibillini Marche a promuovere questa brillante iniziativa, patrocinata dalla Comunità Europea, dalla Regione Marche e dal Parco Nazionale dei Monti Sibillini, presentata in un incontro che si terrà stamattina presso la sede Carisp di Amandola. “Il progetto delle lane” è il frutto di un’idea lungimirante che in una sola mossa punta alla realizzazione di due obiettivi essenziali: il rilancio sul mercato della pregiata lana autoctona “sopravvissana” e degli allevamenti ovini della zona, e, secondo ma non ultimo, la valorizzazione del territorio. «L’idea – afferma il responsabile amministrativo e finanziario del Gal Sibillini Marche Avelio Marini – nasce in seno ad un programma più ampio, l’iniziativa comunitaria “Leader 2″, avente per oggetto lo sviluppo territoriale e rurale, e si basa su una cooperazione nazionale e transnazionale. È piaciuta a Carlo Piacenza, tanto da spingerlo ad investire molto in questo progetto, e, per iniziare, propone la creazione di un esclusivo plaid. Poi hanno partecipato come supporter anche Laura Zegna, per la “Ermenegildo Zegna Holding Italia” e Marcello Tombolini, sicuri promoter del rilancio della nostra economia montana». Partito dal Gal biellese di Valle Elvo di cui il gruppo marchigiano si è fatto partner, il progetto vede compartecipi il Gal Anglona Montacuto, e quelli spagnoli di Adri Valladoid e Montanas del Teleno. «Noi come Sibillini – sottolinea Marini – vi abbiamo voluto aderire in quanto sentiamo come davvero urgente la salvaguardia di una razza in via d’estinzione, quella dei nostri ovini, e di una lana come la sopravvissana, che pur essendo tra le più pregiate in Italia, è andata fuori mercato perché ha subito la concorrenza di quelle meno costose. I souvenir d’alta moda realizzati consistono in sciarpe, maglioni, coperte, scialli dei grandi stilisti». Con una mossa davvero incisiva, dunque, il Gal riporta l’attenzione sui Monti Sibillini, in un progetto di marketing territoriale che insieme si accinge a rilanciare quello che è un settore preponderante dell’artigianato di questa nicchia montana e lo rialza dalla voragine di crisi in cui stava precipitando. «La lana “sopravvissana” è fonte storica di ricchezza per i nostri bellissimi paesaggi naturali – incalza Stefano Giustozzi del Parco Nazionale Monti Sibillini – e verrà finalmente valorizzata dalle creazioni d’alta moda di grandi stilisti, dopo essere diventata per lungo tempo oggetto di rifiuto da buttare via e smaltire. Ma pare si sia riusciti a correre ai rimedi».

articolo visualizzato 800 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 11-10-2001

COMMENTI

Nessun commento all'articolo.

Lascia un commento

  • Anto: Tanto per rompere:- A Ennio. E’ rtivelao cic3b2 che i viventi percepiscono come bene...
  • natural health: Having read this I believed it was extremely informative. I appreciate you...
  • www.thefocc.com: Right here is the perfect website for anyone who wants to find out about this...
  • 5:2 Fast Formula Review: When some one searches for his necessary thing, so he/she wishes to be...
  • do diet patches work: I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog...
  • セリーヌ ラゲージ: Magic toned diy and studs quality this bag. You will unearth raised logo discs inside...
  • buy instagram followers: When I originally commented I clicked the “Notify me when new...
  • short game instruction: I am sure this piece of writing has touched all the internet users, its...
  • Sim City 5 Key: Hello there, You’ve done an excellent job. I will certainly digg it and...
  • Caterina: Ho avuto l’onore di essere stata studentessa presso l’ospedale di Camerino...