GIBAS - Fabbrica Artigiana Lampadari
HOME » Cronaca » Ecco il compost fai da te
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

Ecco il compost fai da te


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

COMUNANZA Parte proprio dal Piceno un progetto innovativo sul riciclaggio domestico e dei rifiuti organici Ecco il compost fai da te COMUNANZA — Parte dal Piceno un progetto innovativo per il riciclaggio domestico dei rifiuti organici: è quello che sta sperimentando su scala allargata la Spa a maggioranza pubblica «Gal Piceno». L’iniziativa riguarda 29 Comuni ed è caratterizzata da un procedimento noto, ma che nel nostro paese è adottato quasi esclusivamente da ecologisti militanti e architetti bio, con spese a carico. Le 29 amministrazioni comunali picene interessate (sulle 43 che aderiscono al Gruppo) forniranno gratuitamente alle famiglie che ne faranno richiesta tutta l’ attrezzatura e l’ assistenza per realizzare il «compost» domestico: un prezioso fertilizzante ottenuto attraverso il procedimento naturale della degradazione batterica e senza additivi chimici, che può essere impiegato, ad esempio, per coltivare il giardino o l’orto di casa. Ogni famiglia riceverà in dotazione una «compostiera», cioè l’attrezzatura che serve per la differenziazione e la trasformazione dei rifiuti organici, da cui deriverà poi il fertilizzante. Vari i tipi di rifiuti che possono essere riciclati con questa tecnica: residui delle verdure, bucce, fondi di the e caffè, gusci di uova, avanzi di cibo di origine animale e cibi cotti. Ma anche materiale di potature, erba, foglie secche, fiori appassiti, trucioli di legno non trattato, carta, cartone e altro.Gli scarti devono essere messi nella compostiera, facendo attenzione a miscelarli bene, a mantenere la giusta umidità e la corretta ossigenazione, e poi si dà il via al procedimento. Con i rifiuti organici che una famiglia media di tre persone fornisce in un anno si possono produrre fino a 150 chilogrammi di «compost», sufficienti a concimare in modo naturale 200 metri quadrati di terreno. Il progetto, per ora, interessa i comuni di Amandola, Appignano del Tronto, Carassai, Castignano, Monterinaldo, Montedinove, Montefortino, Montelparo, Ortezzano, Offida, Palmiano, Ripatransone, Roccafluvione, Rotella, Smerillo, Venarotta, Monterubbiano, Montefiore dell’Aso, Lapedona, Castignano, Grottazzolina, Monsampietro Morico, Ortezzano, Petritoli, Ponzano di Fermo, Servigliano, Venarotta, Moresco.L’iniziativa assume una particolare rilevanza visto l’emergenza che sta animando in questi giorni diverse zone d’Italia.

articolo visualizzato 1.333 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 02-07-2004

COMMENTI

Nessun commento all'articolo.

Lascia un commento

  • Anto: Tanto per rompere:- A Ennio. E’ rtivelao cic3b2 che i viventi percepiscono come bene...
  • natural health: Having read this I believed it was extremely informative. I appreciate you...
  • www.thefocc.com: Right here is the perfect website for anyone who wants to find out about this...
  • 5:2 Fast Formula Review: When some one searches for his necessary thing, so he/she wishes to be...
  • do diet patches work: I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog...
  • セリーヌ ラゲージ: Magic toned diy and studs quality this bag. You will unearth raised logo discs inside...
  • buy instagram followers: When I originally commented I clicked the “Notify me when new...
  • short game instruction: I am sure this piece of writing has touched all the internet users, its...
  • Sim City 5 Key: Hello there, You’ve done an excellent job. I will certainly digg it and...
  • Caterina: Ho avuto l’onore di essere stata studentessa presso l’ospedale di Camerino...