GIBAS - Fabbrica Artigiana Lampadari
HOME » Cronaca » Cliniche private riconvertite.Fermo prepara la rivolta
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

Cliniche private riconvertite.Fermo prepara la rivolta


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

PROVINCIA DI ASCOLI Cliniche private riconvertite. Fermo prepara la rivoltadi ROBERTA LAZZARINIASCOLI — La provincia di Ascoli, secondo la proposta di tagli dei posti letto negli ospedali e case di cura presentata dall’assessore alla sanità Augusto Melappioni, perde complessivamente 239 posti letto (-15%). Ma se ad Ascoli e a San Benedetto almeno per ora non si registrano levate di scudi, nel Fermano è già…barricata. Nella Asl 13, tra strutture pubbliche e private, se ne falciano 104: 16 ad Amandola (-23%), 47 al Mazzoni (-12%), 21 nella casa di cura Villa San Marco (-38%) e 20 nella casa di cura Villa San Giuseppe (-100%), praticamente chiude. E il commissario straordinario Mario Maresca si rifiuta di chiamare “tagli” questa operazione. «Si tratta semplicemente di una ricomposizione dei posti letto rispetto ai tassi di utilizzazione. – dice- Poi in medicina bisogna riuscire a stare dietro alla sua evoluzione molto veloce. Questo costringe le amministrazioni a stare al passo aggiornando le strutture con investimenti spesso anche molto costosi. Bisogna, quindi, pensare in grande ed andare verso la sintesi di quanto si ha nel territorio aggruppando le alte tecnologie. Questo consente di utilizzare le macchine costose 24 ore su 24 ruotando personale e medici in opportuni turni anche notturni». Entrando poi nello specifico delle case di cura private che hanno convenzioni con la Asl, Maresca afferma: «Per le case di cura Villa San Marco e San Giuseppe abbiamo dei progetti di riconversione che stiamo discutendo in un ambito di area vasta.Per esempio per la San Giuseppe stiamo cercando di vedere quegli spazi legati alla riabilitazione in senso lato attraverso nuove convenzioni che colleghi anche il Centro Santo Stefano, che opera in questo campo. Ovviamente il tutto in raccordo con l’ospedale e sotto la responsabilità tecnica del nostro direttore di dipartimento Franco Scaramucci. Si deciderà poi successivamente cosa fare in ospedale e cosa fare nelle altre strutture, rimanendo nell’ottica dell’alta specializzazione. Per quanto riguarda la San Marco discuteremo come far fare lì non doppioni dei servizi che eroga l’ospedale, analisi e radiografie, ma complementari in quei settori dove noi registriamo deficienza. Sono convinto che non serve la competitività, abbiamo bisogno sempre più di servizi specialistici e diffusi. Dare risposte ai cittadini in questo settore, ha concluso Maresca, implica un cambiamento di cultura».

articolo visualizzato 604 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 03-10-2002

COMMENTI

Nessun commento all'articolo.

Lascia un commento

  • Anto: Tanto per rompere:- A Ennio. E’ rtivelao cic3b2 che i viventi percepiscono come bene...
  • natural health: Having read this I believed it was extremely informative. I appreciate you...
  • www.thefocc.com: Right here is the perfect website for anyone who wants to find out about this...
  • 5:2 Fast Formula Review: When some one searches for his necessary thing, so he/she wishes to be...
  • do diet patches work: I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog...
  • セリーヌ ラゲージ: Magic toned diy and studs quality this bag. You will unearth raised logo discs inside...
  • buy instagram followers: When I originally commented I clicked the “Notify me when new...
  • short game instruction: I am sure this piece of writing has touched all the internet users, its...
  • Sim City 5 Key: Hello there, You’ve done an excellent job. I will certainly digg it and...
  • Caterina: Ho avuto l’onore di essere stata studentessa presso l’ospedale di Camerino...