GIBAS - Fabbrica Artigiana Lampadari
HOME » Cronaca » Brindisi e fuochi d’artificio per salutare FM
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

Brindisi e fuochi d’artificio per salutare FM


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

Le reazioni: Fermo / La città impazzita già in piena notte dopo la notizia dell’approvazione alla Camera. Tutti in strada a festeggiare Brindisi e fuochi d’artificio per salutare FM Notte di passione in piazza. L’esultanza della folla e lo striscione sulle logge di S. Rocco di DIANA MARILUNGO FERMOUn grande striscione giallorosso (i colori della città) steso sotto il Loggiato di San Rocco in Piazza del Popolo con la scritta «grazie» e la sigla FM, ha salutato ieri mattina il risveglio dei fermani. Ad issarlo nel luogo simbolo della città un gruppo di giovani che mercoledì in piena notte si è riversato in piazza assieme alla folla giunta per festeggiare l’approvazione da parte della Camera dei Deputati della proposta di legge sull’istituzione della provincia di Fermo. L’ambiente si è riscaldato a tal punto che subito dopo mezzanotte hanno fatto la loro comparsa anche i fuochi d’artificio. E così tra suoni di campane, brindisi estemporanei in strada e «botti», i fermani hanno riassaporato la loro aspirazione autonomista. I giochi pirotecnici sono stati lanciati dal centro della Piazza ed hanno svegliato tutta la città. Già intorno alle 21 la notizia che i parlamentari di Montecitorio avevano approvato il disegno di legge presentato da Italo Tanoni (La Margherita) e Francesco Zama (Forza Italia) si era diffusa porta a porta con una sorta di passaparola ed un tam tam telefonico. E’ stato a quel punto che tanta gente si è data appuntamento in Piazza del Popolo. Diversi capannelli si sono formati in attesa del ritorno degli autobus e delle auto che riportavano a casa i componenti della folta delegazione del Fermano recatasi a Montecitorio. Presenti diversi sindaci della zona: di Fermo, Porto San Giorgio, Sant’Elpidio a Mare, Monte Urano, Ponzano di Fermo, Servigliano, Amandola e Falerone. Insieme a loro anche i segretari di tutte le forze politiche del Fermano come Ettore Fedeli (Ds), Loriana di Chiara e Umberto Bartolomei (Udc). Ieri mattina poi tutte le discussioni della gente si sono incentrate sull’argomento provincia. La domanda più ricorrente è stata: «Quando andrà in Senato il provvedimento appena approvato alla Camera?». Ma la cosa oramai non è più vista come un ostacolo dai fermani che ieri erano tutti ottimisti. La speranza è ora che l’iter termini nel più breve tempo possibile. «Attendiamo anche il 2009, tanto abbiamo atteso 140 anni, cinque non ci fanno certo paura». E’ stato un altro dei commenti. Per il territorio, quello di ieri, è un momento davvero storico. «Per la Sanità del Fermano -ha affermato uno dei medici del Pronto Soccorso della Asl 11- significa moltissimo. Si aprono per tutto il comprensorio prospettive diverse. Ora il quinto ambito esiste anche per lo Stato e questo non si può non ignorarlo». «La Camera dei deputati – ha affermato il Ministro per i rapporti con il Parlamento, Carlo Giovanardi – ha finalmente approvato e risolto positivamente la questione delle costituende province di Monza, Barletta e Fermo. Sono soddisfatto del risultato che ha trovato un giusto equilibrio tra vocazioni territoriali, rigorosi criteri di selezione e compatibilità finanziarie. Come rappresentante del Governo, rimettendomi doverosamente all’assemblea, ho sottolineato con forza la necessità che la Camera si esprimesse senza rinvii e ho votato a titolo personale con convinzione a favore del provvedimento, per una conoscenza diretta delle ragioni storiche, culturali, geografiche ed economiche che sono alla base di questa scelta». Uno dei fautori del successo di mercoledì è stato Luigi Vitali , presidente del Comitato Territoriale per l’Istituzione della Provincia di Fermo. Vitali è stato sempre convinto del raggiungimento del risultato ed ha combattuto duramente per diversi anni per l’obiettivo finale. Quel «grazie» sullo striscione era dedicato probabilmente soprattutto a questo indomito ottantaduenne che ha saputo tenacemente tessere i fili per giungere finalmente al traguardo che si era posto. «La coerenza e la costanza per la giusta causa pagano sempre» aveva scritto il Comitato in una sua pubblicazione di qualche tempo fa. Ieri già erano di nuovo tutti al lavoro: per preparare l’ultima sospirata tappa. Quella dell’approvazione al Senato.

articolo visualizzato 694 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 31-10-2003

COMMENTI

Nessun commento all'articolo.

Lascia un commento

  • Anto: Tanto per rompere:- A Ennio. E’ rtivelao cic3b2 che i viventi percepiscono come bene...
  • natural health: Having read this I believed it was extremely informative. I appreciate you...
  • www.thefocc.com: Right here is the perfect website for anyone who wants to find out about this...
  • 5:2 Fast Formula Review: When some one searches for his necessary thing, so he/she wishes to be...
  • do diet patches work: I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog...
  • セリーヌ ラゲージ: Magic toned diy and studs quality this bag. You will unearth raised logo discs inside...
  • buy instagram followers: When I originally commented I clicked the “Notify me when new...
  • short game instruction: I am sure this piece of writing has touched all the internet users, its...
  • Sim City 5 Key: Hello there, You’ve done an excellent job. I will certainly digg it and...
  • Caterina: Ho avuto l’onore di essere stata studentessa presso l’ospedale di Camerino...