GIBAS - Fabbrica Artigiana Lampadari
HOME » Cronaca » Ansia da black out, anziana ricoverata
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

Ansia da black out, anziana ricoverata


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

Disagi limitati nell’Ascolano e nel Maceratese Solo Ussita ha vissuto sempre di propria luce Ansia da black out, anziana ricoverata Ad Ascoli quattro giovani “prigionieri” per quattro ore all’interno di un garage di RENZO ASTICI ASCOLI Esattamente alle 17,15 è cessato in provincia di Ascoli l’allarme black out dell’energia elettrica. Anche se a quell’ora non tutte le località del Piceno potevano nuovamente usufruire dell’energia elettrica. Diverse le frazioni, soprattutto quelle montane, erano ancora al buio. Va però subito detto che l’oscuramento nazionale non ha creato particolari e grossi problemi nell’Ascolano dove, contrariamente al Maceratese, l’acqua non è mai mancata. Non appena è scattato il black out è stato attivato il «protocollo d’intervento» a livello provinciale. Le aziende sanitarie hanno compiuto una ventina di interventi urgenti per prelevare dalle loro abitazioni tutti i pazienti che utilizzano i respiratori a domicilio. Diversi anche i ricoveri di pazienti dializzati. Sono stati trasferiti negli ospedali di Ascoli, San Benedetto e fermo e solo oggi, una volta stabilizzata la rete elettrica, potranno fare ritorno nelle loro case. E a sostegno degli ospedali sono stati anche i primi interventi dell’ufficio di Protezione civile funzionante presso la Prefettura. Prevedendo un black out lungo, il Prefetto ha prima disposto disposto il rifornimento di gasolio per l’alimentazione dei generatori elettrici. Non che mancasse, ma si è preferito non correre rischi. Incessante il servizio da parte delle forze di polizia, tutti i turni di servizio sono stati rinforzati. Vigili del fuoco come sempre in prima fila. La centrale di coordinamento del Dipartimento di emergenza del 118 ha disposto il potenziamento, negli ospedali e nei Potes, dei turni dei medici e del personale paramedico. «Abbiamo avuto punte di richieste di informazioni fino a 10-15 telefonate al minuto dicono i vigili del fuoco di Ascoli, ma di interventi importanti legati al black out, praticamente nessuno». L’energia elettrica è stata ripristinata a «macchia di leopardo». Poco dopo le 11 c’era già in diversi quartieri del capoluogo, alle 15,58 in tutta Ascoli, alle 12 ad Offida e «solo» alle 16,15 ad Amandola e Castel di Lama. Non sono mancati casi curiosi come ad Ascoli dove quattro giovani sono rimasti rinchiusi per un paio di ore dentro un garage con porta a chiusura e apertura elettrica. Diversi esercizi che utilizzano l’apertura delle serrande elettricamente sono rimasti chiusi compresi, in mattinata, i centri commerciali Al Battente e Città delle Stelle. Vittima del black out, ma solo per un’oretta, anche lo storico Caffè Meletti in piazza del Popolo. Un’anziana signora di Villa Pigna, sopraffatta dall’ansia, è stata soccorsa dai Vigili del fuoco e quindi ricoverata al «Mazzoni». Diverse anche le segnalazioni dalla zona di Brecciarolo, Monticelli e Marino del Tronto per la puzza proveniente dalla Sgl Carbon. Il sindaco Piero celani ha richiamato al lavoro tutti i vigili urbani che hanno presieduto gli incroci. Solo Ussita ha evitato il black out. La “perla dei Sibillini” ha continuato a brillare di luce propria grazie alle sue quattro centrali idroelettriche e non ha subito nessun black out. Un progetto lungimirante per una città che ha fatto dell’acqua una delle sue risorse principali, sfruttando al meglio quelle risorse naturali che gli offre il massiccio del Monte Bove. A Recanati, invece, ora ci sono problemi per l’approvigionamwnto idrico. L’acqua, una volta ripristinata, non sarà potabile per 24 ore. Tredici ore senza luce e cinque senza acqua. A Civitanova rubinetti in tilt alle 13.30. Le pompe dell’acquedotto sono ripartire alle 16.35, ma nelle case l’acqua è tornata solo alle 19. Grossi i disagi per un black out elettrico e informativo. Sordi alle chiamate i centralini del Municipio e dell’ufficio tecnico comunali e ko anche i cellulari del pronto intervento comunale, serviti dalla rete Wind, andata in tilt pure lei. Nessuna auto con altoparlante ha battuto i quartieri per informare i cittadini. Disponibile Vincenzo Berdini (Protezione Civile). Infaticabili, i vigili del fuoco hanno risposto a un fiume di chiamate e sono intervenuti a Potenza Picena, per spegnere un incendio in un garage provocato dalla perdita d’acqua, da un congelatore, che ha raggiunto la presa elettrica. Problemi al traffico e vigili urbani richiamati in servizio per disciplinare la viabilità agli incroci, orfani dei semafori.

articolo visualizzato 662 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 29-09-2003

COMMENTI

Nessun commento all'articolo.

Lascia un commento

  • Anto: Tanto per rompere:- A Ennio. E’ rtivelao cic3b2 che i viventi percepiscono come bene...
  • natural health: Having read this I believed it was extremely informative. I appreciate you...
  • www.thefocc.com: Right here is the perfect website for anyone who wants to find out about this...
  • 5:2 Fast Formula Review: When some one searches for his necessary thing, so he/she wishes to be...
  • do diet patches work: I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog...
  • セリーヌ ラゲージ: Magic toned diy and studs quality this bag. You will unearth raised logo discs inside...
  • buy instagram followers: When I originally commented I clicked the “Notify me when new...
  • short game instruction: I am sure this piece of writing has touched all the internet users, its...
  • Sim City 5 Key: Hello there, You’ve done an excellent job. I will certainly digg it and...
  • Caterina: Ho avuto l’onore di essere stata studentessa presso l’ospedale di Camerino...