GIBAS - Fabbrica Artigiana Lampadari
HOME » Cronaca » Altri 15 bovini sequestrati e farine animali requisite.
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

Altri 15 bovini sequestrati e farine animali requisite.


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

Altri 15 bovini sequestrati e farine animali requisitedi DIANA MARILUNGOe MARCELLO PAGLIARIUn sequestro cautelativo annunciato quello riguardante alcuni bovini ed avvenuto ieri da parte del Nas di Ancona nella zona di Amandola. Sono stati, infatti, posti sotto vincolo sanitario 11 capi allevati in una piccola stalla sita sulla strada tra Smerillo e Monte San Martino. Gli agenti hanno reputato necessario procedere al sequestro, a scopo precauzionale, perché gli allevatori degli animali avevano acquistato mangime dall’azienda di Monte San Martino, in provincia di Macerata, nella cui produzione sono stati individuati residui di farina animale.Quest’ulteriore azione di sequestro da parte dei carabinieri del Nucleo Antisofisticazioni fa seguito a quelle eseguite in precedenza e che hanno interessato altri due allevamenti nel Piceno: uno nei pressi di Amandola con più di 70 capi, e l’altro ancora nella zona di Montefortino con circa 30 bovini. A questi va ad aggiungersi quello effettuato nell’area di Sant’Angelo in Pontano (in provincia di Macerata) ed al confine con il Piceno. Tutti gli interessati ai sequestri cautelativi erano clienti del mangificio di Monte San Martino. Ad oggi, perciò, sono più di 100 i capi di bestiame posti sotto vincolo cautelativo. Il mangime rilevato nelle stalle poste sotto sequestro saranno analizzati dall’Istituto Zooprofilattico di Perugia. Altri ancora (una trentina di campioni) sono stati portati a Fermo per poi essere monitorati.Intanto tutti negativi risultano i controlli che sta effettuando la sezione fermana dell’Istituto Zooprofilattico di Marche ed Umbria. Nulla per quanto riguarda il cosiddetto fenomeno della “mucca pazza” è stato riscontrato nei tre campioni arrivati al servizio da Ancona e Pesaro. Dunque non si segnalano fortunatamente casi di bovini affetti da Bse ovvero la terribile encefalite spongiforme bovina che sta preoccupando tutti. Già nel pomeriggio di ieri erano iniziate altre analisi su alcuni campioni provenienti dalla Puglia. Sono circa 16 i test che i medici dello Zooprifilattico stanno studiando e che sono arrivati dalla sezione di Foggia, la quale non essendosi ancora attivata per questo tipo di test si appoggia, nel frattempo, su Fermo. Sul fronte della vendita al dettaglio delle carni rosse, la Confcommercio di Fermo denuncia il fatto che le macellerie della zona sono in ginocchio. «Le vendite delle carni rosse ed in generale – affermano al sodalizio di categoria – sono crollate». Il presidente dei macellai fermani aderenti alla Confcommercio, Piero Venanzetti, oltre le proposte che vi sono da parte della Confcommercio a livello nazionale, lancia l’idea di estendere il “Test di diagnosi rapida” a tutti i bovini anche al di sotto dei 24 mesi e la conseguente messa “sottovincolo sanitario” di tutti gli animali macellati per un periodo di 36-48 ore, tempo che occorre per fare il test e che è comunque indispensabile alla cosiddetta “frollatura” della carne prima di poterla porre in vendita. Secondo i vertici del sodalizio fermano in questo modo tutti sarebbero «tranquilli e potremmo salvare tutte le parti degli animali anche l’ormai famigerata bistecca con l’osso». I macellai di Fermo sono disposti a pagarsi i test da soli. Intanto anche nella zona di Senigallia sono stati sequestrati dei mangimi. «Si tratta di controlli abituali». Queste le parole di Tonino Fabini, presidente della cooperativa Cemca di Ponte Rio di Monterado, che nei giorni scorsi ha ricevuto la visita del Nas di Ancona. La cooperativa commercia mangimi per animali e al suo interno è stato trovato un deposito di prodotti contenenti farine animali. «Vorrei ricordare – riprende Fabini – che fino al 31 dicembre del 2000 non esisteva alcun divieto sulla vendita dei mangimi di quella tipologia. Non si tratta assolutamente di prodotti sospetti. Dal primo gennaio è giunta la direttiva che non si potevano più vendere questi mangimi e quindi abbiamo accantonato quello rimasto in attesa che fosse distrutto. Non vedo perciò quale sia il problema, se non il fatto che non esistono disposizioni precise su come smaltirlo».I controlli eseguiti dai carabinieri che scopo avevano allora? «Preventivo. Tutti sanno che l’attenzione al problema è alta e quindi i militari hanno eseguito il loro lavoro, che serve anche a noi per stare tranquilli, ma deve essere chiaro non c’è stato alcun sequestro ne tantomeno sanzioni. La situazione rimane comunque di disagio per non dire di disorientamento. Esiste infatti il problema dello smaltimento degli scarti di lavorazione, molte aziende rischiano di bloccarsi».Come vi state cautelando? «Stiamo cercando di mettere in filiera tutte le aziende del settore marchigiane – conclude Fabini – e cioè dalla produzione dei mangimi all’allevamento fino alla macellazione al fine di avere, e soprattutto di dare, notizie precise sulla provenienza delle carni, anche suine. Nel giro di poco tempo usciremo con una certificazione che permetterà al consumatore di risalire alla provenienza delle carni».

articolo visualizzato 890 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 31-01-2001

COMMENTI

Nessun commento all'articolo.

Lascia un commento

  • Anto: Tanto per rompere:- A Ennio. E’ rtivelao cic3b2 che i viventi percepiscono come bene...
  • natural health: Having read this I believed it was extremely informative. I appreciate you...
  • www.thefocc.com: Right here is the perfect website for anyone who wants to find out about this...
  • 5:2 Fast Formula Review: When some one searches for his necessary thing, so he/she wishes to be...
  • do diet patches work: I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog...
  • セリーヌ ラゲージ: Magic toned diy and studs quality this bag. You will unearth raised logo discs inside...
  • buy instagram followers: When I originally commented I clicked the “Notify me when new...
  • short game instruction: I am sure this piece of writing has touched all the internet users, its...
  • Sim City 5 Key: Hello there, You’ve done an excellent job. I will certainly digg it and...
  • Caterina: Ho avuto l’onore di essere stata studentessa presso l’ospedale di Camerino...