GIBAS - Fabbrica Artigiana Lampadari
HOME » Cronaca » Gli accordi a tavolino non ci sono mai piaciuti
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

Gli accordi a tavolino non ci sono mai piaciuti


Warning: Creating default object from empty value in /www/htdocs/w00f7576/wp-content/plugins/post-image.php on line 23

Strali dal Comitato per la difesa della montagna AMANDOLA – Gli accordi spartitori a tavolino non ci piacciono, Spena, dirigente Ds, componente della segreteria provinciale dei DS e vice sindaco del Comune di Montefalcone Appennino parla di bon-ton anche in politica e si erge a paladino della recente costituzione del Gal del Fermano e si candida come presidente. A noi risulta che la sua presidenza non é gradita a diversi Sindaci, solo che tale nome é appoggiato da esponenti dell’amministrazione Provinciale ed assessori Regionali. Lo scrive il Presidente del Comitato Cittadino per la difesa della vita in montagna, Enrico Gasparri. Cià che ci preoccupa e che la politica abbia messo le mani anche nell’indicazione del nome del presidente del Gal del fermano, una società  a R.l. che dovrebbe andare a vantaggio degli operatori privati del settore agricolo e turistico del Fermano. Quale garanzia potrà  dare un dirigente di un partito? Questo Gal parte con il piede sbagliato; dovrebbe essere gestito da soggetti al di fuori della politica in modo da dare un forte impulso alla valorizzazione e alla promozione del patrimonio locale di produzioni, ambiente, cultura, paesaggio e risorse umane del territorio. La costituzione del Gal Piceno dovrebbe dare da esempio, costituito il 28 ottobre 1996, nella forma giuridica della società  consortile a responsabilità  limitata, grazie alla professionalità  del suo presidente Curi Vincenzo, ha assegnato una rilevanza strategica alle aree rurali prevedendo un insieme di azioni integrate per stimolare la crescita del settore e promuovere un approccio sostenibile alla valorizzazione del territorio e delle sue specificità  ed eccellenze. Noi speriamo che questo nuovo Gal possa fare altrettanto, ma nello stesso tempo nutriamo forti dubbi. Come possono i Sindaci facenti parte di questa nuova società  appoggiare la candidatura di un esponente politico? Sarà  la conseguenza di una loro scelta o imposta da qualche politico locale influente al quale non sanno dire di no? Quali spiegazioni daranno ai loro cittadini? Come mai un Comune di Montefalcone con 500 abitanti, puà esprimere la Presidenza della Comunità  Montana con Milani, segretario dei Ds della zona montana e ora con Spena , componente della segreteria Provinciale dei Ds, proposto come presidente del nuovo Gal? Abbiamo visto l’indipendenza del Presidente della Comunità  Montana a proposito della proposta avanzata dal Governo centrale in merito alla riduzione delle Comunità  Montane; anzichà© difendere l’ente che rappresenta ha dato atto che al loro posto potevano essere create Unioni di Comuni: a quali costi? E i cittadini quanto avrebbero dovuto pagare tale nuova costituzione?.corriere adriatico

articolo visualizzato 722 volte
Inserito da Redazione Amandola.com il 21-10-2007

COMMENTI

Nessun commento all'articolo.

Lascia un commento

  • Anto: Tanto per rompere:- A Ennio. E’ rtivelao cic3b2 che i viventi percepiscono come bene...
  • natural health: Having read this I believed it was extremely informative. I appreciate you...
  • www.thefocc.com: Right here is the perfect website for anyone who wants to find out about this...
  • 5:2 Fast Formula Review: When some one searches for his necessary thing, so he/she wishes to be...
  • do diet patches work: I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog...
  • セリーヌ ラゲージ: Magic toned diy and studs quality this bag. You will unearth raised logo discs inside...
  • buy instagram followers: When I originally commented I clicked the “Notify me when new...
  • short game instruction: I am sure this piece of writing has touched all the internet users, its...
  • Sim City 5 Key: Hello there, You’ve done an excellent job. I will certainly digg it and...
  • Caterina: Ho avuto l’onore di essere stata studentessa presso l’ospedale di Camerino...